Culurgiones d’Ogliastra (ravioli di patate e menta sardi)

0
441

CulurgionesIngredienti per la pasta

300 g farina (220 g di semola rimacinata di grano duro + 80 g di farina 00) 1,5 lt dl acqua, 1 cucchiaino di sale.

Per il ripieno

500 g patate, 150 g pecorino, 75 g di scamorza grattugiata, 150 g di parmigiano grattugiato, 75 g formaggio tipo galbanino grattugiato, ½ bicchiere di olio extravergine, 2 spicchi di aglio, 14 foglie di menta

Preparazione

Fate lessare le patate, con la buccia, in una pentola piena d’acqua. Una volta cotte, pelatele, schiacciatele con uno schiacciapatate, in una capiente terrina. Aggiungete alle patate l’olio, l’aglio tritato finemente e la menta tritata e leggermente soffritta. Pian pianino aggiungete anche il pecorino grattugiato e gli altri formaggi. Amalgamate bene tutto il composto, fino a che non diventa bello liscio. Lasciate riposare il tutto nella terrina.

Culurgiones 2Nel frattempo metteteli a fontana la farina setacciata, versate l’acqua tiepida e il sale (o usate l’impastatrice). Impastate energicamente fino a che non ottienete un composto liscio ed elastico così da formare delle sfoglie sottili. Se necessario aggiungete un po’ di acqua.

Con un coppa pasta, o un bicchiere, ricavate dei cerchi, di circa 6/7 cm di diametro e sulla metà di ogni cerchietto disponete un po’ di ripieno di patate,  come una piccola noce. Richiudete i cerchi a mezzaluna facendo uscire l’aria e sigillando con cura i bordi per non far uscire il ripieno in cottura. I culurgiones vanno chiusi pizzicandoli con le dita, per disegnare il tipico motivo a spiga.

Fate bollire l’acqua per la cottura e cuocete i culurgiones. Quando vengono a galla, circa dopo 6/7 minuti, significa che sono pronti e che potete scolarli. Conditeli con sugo di pomodoro fresco leggero e una spolverata (in realtà abbondante!!) di pecorino fresco a stagionato .

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce: appuntamento con il Festival Organistico del Salento
Next articlePomodori ripieni