“Vele per la cultura”, seconda edizione dal 21 al 23 maggio 2015

0
348

Riparte da Gallipoli un nuovo viaggio di emozioni e racconti verso Valona

partenza all alba da leuca ediz 2014Gallipoli (Le) – Per il secondo anno consecutivo l’Italia innalza il suo ponte di amicizia verso l’Albania con la manifestazione velico-culturale “Vele per la cultura”, inserita nel programma “Il Mare che Unisce”, che avrà luogo dal 21 al 23 maggio 2015 con partenza da Gallipoli e arrivo a Valona.

L’obiettivo della traversata velica amatoriale, realizzata da AssoNoProfit in collaborazione con Uisp Lecce, è di contribuire a promuovere la relazione tra i popoli che si affacciano nel Mare Adriatico, attraverso la cultura e la pratica sportiva legata al mare.

In questa seconda edizione, quindi, lo scenario delle visioni sarà ancora una volta proiettato in direzione del Paese delle aquile. Un viaggio, in barca a vela, dalla Puglia verso l’Albania in compagnia di un gruppo di scrittori albanesi (nel 2014 a raccontare il mare di visioni furono cinque scrittori italiani), che saranno a bordo di una delle tante imbarcazioni che prenderanno parte alla gara velica.

Dichiara Vincenzo Liaci, ideatore del progetto “Quest’anno, oltre alle imbarcazioni impegnate nella competizione che partiranno da Gallipoli e che dopo una sosta a Santa Maria di Leuca veleggeranno alla volta di Valona, chiunque, con barche a vela o a motore, potrà iscriversi, per fare rotta su Valona ed aggregarsi al raduno nella Baia di Valona nella giornata di sabato 23 maggio, sotto la bandiera “Il Mare che Unisce”.

Un ingresso di emozioni a vista (in uno scenario tra monti, insenature marine e fondali ricchi di storia) dove sarà anche possibile fare immersioni subacquee guidate nella Penisola di Karaburun.

La sera del 23 Maggio, poi, festa in piazza per un abbraccio corale con i cittadini di Valona. Infatti una volta approdati nell’antica città di Vlora, la giornata sarà scandita da incontri con gli studenti (a cui verrà data la possibilità di visitare “per la prima volta” le imbarcazioni veliche), un vero e proprio workshop con i rappresentanti del Ministero del Turismo e del Ministero delle Infrastrutture albanesi, del Comune di Valona, della Guardia  Italiana a Valona dell’Ambasciata Italiana e dell’associazionismo locale.

In definitiva un programma di tre giorni costruito sull’asse dei temi del turismo, sport, cultura, associazionismo e di accessibilità a tutti. A tal proposito a percorrere le circa 85 miglia ci sarà anche “Rosalmar”, una barca a vela di 13 metri ad uso pedagogico per i diversamente abili, su cui saliranno a bordo alcuni ragazzi dell’associazione “Barriere al vento” di Galatina.

Un mare di gioia sta per aprirsi per tutti, a vele spiegate, sulla via che dallo splendido Mar Ionio porta verso un’altra splendida, ed ancora inesplorata, località: la costa di Valona.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, abbandonano un gattino nel cassonetto dei rifiuti. Lo salvano le Guardie Zoofile
Next articleMartina F. – Lecce: l’analisi. Segnali per inseguire