Torromino sul big-match Lecce-Foggia: “Vincere per il primato, poi…”

0
363

Lecce– Messa definitivamente in archivio la sconfitta di domenica in casa del Catania, il pensiero fisso del Lecce è già ampiamente proiettato al big-match tra capoliste del Girone C con il Foggia, in programma lunedì sera alle 20:30 al “Via del Mare”. Giallorossi e rossoneri comandano il campionato con 22 punti, uno in più della terza Juve Stabia, impegnata anch’essa in un ostico confronto con il Cosenza quarto a 19 punti. Un turno, l’undicesimo di campionato, che si preannuncia quindi più che scoppiettante.

Questione di gol– Gli equilibri del derbyssimo, sfida tra due squadre coriacee in difesa (Lecce prima difesa con 7 gol subiti e Foggia terza a 9 insieme alla Juve Stabia), potranno essere rotti dai due attacchi, letterali chiavi di volta degli schieramenti. Se della prolificità della coppia gol Caturano-Torromino si è detto molto (15 gol in due), del Foggia, soprattutto a inizio stagione, si è parlato di un reparto offensivo orfano di Iemmello, passato in A al Sassuolo, elemento dall’eredità difficile da raccogliere. A smentire questa tesi sono stati Mazzeo (5 gol) e Padovan (3), arieti offensivi dei Satanelli aiutati dal bottino realizzativo di Sarno (6 segnature), freccia destra dello schieramento a disposizione di Stroppa.

Carica Torromino– Proprio Giuseppe Torromino, intervenuto oggi in conferenza stampa, ha avuto l’arduo compito di raccogliere le sensazioni in vista di Lecce-Foggia: “Lunedì sarà la prima volta che affronterò il Foggia nella mia carriera. Conosco Sarno e Padovan, che sono stati miei compagni rispettivamente nell’Entella e nel Crotone. Dall’aria che si respira si capisce che questa è una partita sentita. E’ una gara importante, come tutte le altre, i punti in palio sono sempre tre, anche se è un derby e l’atmosfera sarà diversa. Dovremo cercare di portare a casa la vittoria per mantenere il primato”.

Catania dimenticata– L’ex Crotone rivela gli elementi raccolti dalla sconfitta di domenica scorsa, fatti che devono confezionare la reazione: “Rabbia dopo Catania? Rabbia no, è rimasta la consapevolezza che in ogni gara dobbiamo dimostrare di essere il Lecce. Non è stata fatta una brutta partita, secondo me, siamo stati penalizzati dagli episodi, ma abbiamo capito la lezione. La gara di lunedì non potrà essere determinante visto che siamo solo all’11^ giornata. Certamente vincere per tutte e due le squadre rappresenterebbe una prova di forza e maturità, che darebbe ulteriore fiducia e passo per continuare”.

Ambiente– Il “Via del Mare” è un amuleto per Torromino: “Delle 7 reti che ho realizzato 6 sono state messo a segno al Via del Mare. Sicuramente l’atmosfera del nostro stadio mi esalta. Sicuramente sarà uno spettacolo giocare in una cornice di pubblico come si preannuncia il nostro stadio. I nostri tifosi saranno la nostra forza, è una cosa bella che proprio non c’entra nulla con la Lega Pro.”

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Vo’ a teatro a divertirmi”: Gloria Giurgola, soprano salentino di 22 anni protagonista a Tenerife nel “Don Pasquale” di Donizetti
Next articleLecce-Foggia: le voci della vigilia