Martina F.- Lecce: le probabili formazioni

0
343

Lecce – Vincere per continuare a credere nei play-off. Al “Tursi” di Martina Franca il Lecce dovrà cogliere il bottino pieno per continuare ad alimentare le proprie speranze di accesso al post-season, ambizioni appese ad un filo che ormai dipende dai risultati delle concorrenti Matera e Casertana. Di fronte ai giallorossi ci sarà una squadra, quella itriana, che in questo inedito derby cercherà di chiudere il discorso relativo alla salvezza.

Martina – La squalifica di Patti (2 turni di stop dopo l’espulsione rimediata contro la Casertana) dà un bel poì di grattacapi a mister Eduardo Imbimbo, successore di Ciullo sulla panchina del Martina. Il trainer avellinese scioglierà soltanto nell’immediata vigilia il nodo relativo al modulo. È probabile il ritorno al 4-4-1-1, schieramento che rilancerebbe la punta macedone Filip Pivkovski, sulla quale grava la pesante eredità lasciata dall’indisponibile Adriano Montalto. Il modulo con il terminale offensivo gioverebbe alle frecce offensive Arcidiacono e Pepe, posizionate più dietro rispetto al centravanti ex Novara; in caso di 3-5-2 però spetterebbe proprio al duo d’incursori la totalità dei compiti offensivi. In difesa Fabiano guida la carica dei cinque ex giallorossi (Tomi, Kalombo, Brunetti e Guadalupi oltre al brasiliano) e sarà affiancato da Samnick, con De Giorgi e Memolla sulle fasce. L’albanese, tra i migliori della partita d’andata, potrebbe spesso scambiarsi la posizione con Giovanni Tomi, pronto a partire a sinistra della mediana. Nel cuore del centrocampo, spazio a De Lucia e Bucolo.

Lecce – L’assenza di Salvi, bloccato probabilmente per il resto della regular season, restringe l’alveo delle scelte a mister Bollini, pronto a riproporre il vincente 4-5-1 che ha battuto con qualche patema il Foggia. Davanti a Scuffia, spazio al quartetto difensivo con Beduschi e Lopez ai lati ed Abruzzese-Diniz al centro. A centrocampo, come per gran parte del match contro i Satanelli, sarà Sacilotto a rilevare l’infortunato Salvi. Lepore e Mannini, estremi laterali del centrocampo, cercheranno di dare manforte all’unica punta Doumbia, decisa a riscattarsi dopo una partita decisamente negativa nonostante il gol-vittoria. Da non sottovalutare le chances di Miccoli, in ballottaggio con il franco-maliano, e di Herrera.

Le probabili formazioni

Martina Franca (4-4-1-1): Bleve; De Giorgi, Fabiano, Samnick, Memolla; Pepe, De Lucia, Bucolo, Tomi ; Arcidiacono; Pivkovski. A disposizione: Modesti, Brunetti, Kalombo, Diop, Guadalupi, Calvetti, Caruso. Allenatore Eduardo Imbimbo

Squalificati: Patti

Indisponibili: Montalto, Magrassi

Diffidati: Tomi, Magrassi, Memolla

Lecce(4-5-1): Scuffia; Beduschi, Abruzzese, Diniz, Lopez; Mannini, Papini, Sacilotto, Bogliacino, Lepore; Doumbia. A disposizione: Chironi, Di Chiara, Vinetot, Herrera, Embalo, Gustavo, Miccoli. Allenatore: Alberto Bollini

Squalificati: Moscardelli

Indisponibili: Caglioni, Salvi, Manconi

Diffidati: Caglioni, Miccoli, Beduschi, Doumbia, Papini

Altri: Filipe

Arbitro: Marco Baroni di Firenze

Stadio “Tursi”- Martina Franca (TA), fischio d’inizio ore 17:30

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleXylella, timida apertura Ue a sostegno degli agricoltori
Next article25 Aprile: siamo liberi da cosa?