Romantica …

0
403

Romantica

È chiara la scrittura in cui le singole lettere sono riconoscibili indipendentemente dal significato delle parole. Ciò significa che il soggetto ha capacità di coordinare azioni e reazioni, consapevolezza dei propri obiettivi, chiarezza di coscienza, di idee ed intenti, correttezza di comportamento ed un uso di un registro linguistico chiaro.

Con estetica, larga di lettere e larga tra parole, la passione ha esiti positivi, è un mezzo per conoscersi meglio e per approfondire la consapevolezza di sé, già confermata dalle lettere di calibro grande, acquisizioni, queste, possibili solo se si riesce a contenere i vissuti della passione…

Le lettere piatte sono allineate con regolarità rispetto al rigo ideale di base, la scarsa fluidità, unitamente alla slegata e parallela impediscono al soggetto di orientarsi agevolmente in situazioni nuove, l’eccessivo automonitoraggio limita il raggio di azione entro ciò che si “deve” limitandone l’espansione verso ciò che si “vorrebbe”.

Risultato? Un’affettività contenuta.

Puntini delle i bassi e centrati: cavillosità ed importanza materiale a particolari minimi;

Tagli delle t bassi: democraticità;

Asole interne alla lettera “s”: interpretazione romantico/cavalleresca del rapporto sessuale;

Aste curve/rette: cedevolezza seguita da irrigidimenti;

Interrigo largo: schifiltosità esagerata;

Larga tra parole: visione panoramica delle circostanze e delle conseguenze;

Margini crescenti a destra: intimorimento progressivo verso l’interlocutore;

Nitida: serenità per assenza di prevenzioni;

Accurata ed aderente: iniziativa realistica.

Per concludere, lo scritto manifesta un elevato valore artistico, ci sarà una passione per l’arte od una grande creatività?

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, riaprono le segrete del castello Carlo V
Next articleQuella allo specchio non sono io!