La storia di sempre

0
627

4Y6A6059Siracusa – È vero, quando si vince tutto “fa brodo” però la vittoria di ieri ha vagamente allarmato anche i tifosi più entusiasti della squadra giallorossa targata Padalino che ha pur sempre la migliore difesa ed il migliore attacco del girone.

Forse più prevedibile da un paio di turni, la compagine giallorossa ha mostrato ieri di accusare delle difficoltà nel costruire il gioco contro un avversario come il Siracusa che, chiuso nella sua metà campo, si affidava a sporadiche ripartenze per sorprendere il Lecce. Ieri Padalino, dopo essere stato criticato la scorsa settimana per non aver fatto rifiatare alcuni giocatori, ha deciso di rivoluzionare la squadra ridisegnando la difesa e schierando in attacco Persano e Doumbia al posto di Caturano e Pacilli e Drudi sulla fascia in sostituzione di Vitofrancesco. 

Il Lecce, dopo un primo tempo regalato agli avversari, gioca  una buona seconda frazione di gioco, durante la quale entrano in campo Caturano e Pacilli , e sotto una pioggia battente si sveglia, pressa e va in gol prima con Mancosu che segna approfittando di un rimpallo e poi con Pacilli che corregge in rete il bolide di Torromino che aveva colpito la traversa. 

16 punti in 6 partite non possono dare adito a critiche ma i tifosi giallorossi, che risentono delle delusioni patite negli anni scorsi, non riescono a non provare paura tra l’altro istigati abbondantemente dai “Soloni” del calcio che dalle loro tastiere non vedono l’ora di rinfocolare gli animi scontenti e spargere malumori. 

È la storia di sempre. 

Avanti Lecce!