Il dottore Giuseppe Palaia saluta il Lecce dopo 36 anni

0
1102

Giuseppe Palaia36 anni di storia giallorossa, 36 anni di calore, colore, professionalità e dedizione racchiusa in una parola: amore.

Termina così la storia di Giuseppe Palaia come medico sociale; il dottore per eccellenza dell’US Lecce decide di non rinnovare, decide di dedicare il suo tempo altrove, decide che il suo tempo nel calcio è terminato.

A pochi giorni dalle visite mediche che si terranno a Squinzano nel suo centro, la bandiera più vera del Lecce “si ammaina” da sola e saluta.

Sui social la voce è rimbalzata velocemente e i tifosi “scrivono” tutto il loro dispiacere e dissenso per una notizia che era nell’aria ma che sembrava non dovesse mai realizzarsi. Nessuno mai saprà cosa realmente ha portato il dottore a non rinnovare l’impegno con la famiglia Tesoro, e tutto quello a cui ci si può affidare è il freddo comunicato stampa che si legge sul sito della società:

“L’U.S. Lecce esprime il proprio ringraziamento al Dott. Giuseppe Palaia per la dedizione, l’abnegazione e l’impegno profusi nei suoi trentasei anni di attività medica come responsabile sanitario del club giallorosso. Le parti non sono riuscite a rinnovare l’accordo per impegni professionali inderogabili del Dott. Palaia”.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLe chiare e verdi acque “decantate” del Salento
Next articleLecce: dubbi, addii e perplessità a pochi giorni dal ritiro