FUTSAL LECCE, un pari che va stretto

0
448

Fasano (Br) – Una partita molto equilibrata quella che è andata in scena sabato 06 aprile presso il palazzetto dell’ITC Salvemini di Fasano.

I ragazzi terribili giungono a Fasano forti della bella vittoria in casa del Conversano e puntano a bissare il risultato dell’andata.

Mister Vetrugno riconferma il quintetto che ha espugnato Conversano, schierando Vita, De Carlo, Musarò, Giglio e Arnesano; a disposizione Mazzei, Franco, Pagano, Tarantino e Persano.

La partita si accende immediatamente con molte occasioni da ambo le parti.

Una grande azione in solitaria di un dirompente De Carlo porta in vantaggio i leccesi che ci riprovano immediatamente con Arnesano che non centra lo specchio della porta.

I fasanesi si riportano subito sotto con un tiro dalla distanza che nessun leccese contrasta adeguatamente. I leccesi provano a dare una scossa alla partita, prima con Giglio, poi di nuovo con De Carlo e infine con Musarò. Poca cinicità in attacco porta i leccesi a sprecare nettissime occasioni da gol.

L’ingresso di Franco ridona vita all’attacco salentino con una serie di belle azioni, che si spengono in tiri fuori o ribattuti da un attento portiere fasanese. Sarà Musarò a riportare in vantaggio i suoi con un gran gol di forza e a suonare la carica con un tiro fuori e un salvataggio al limite.

Proprio nel momento migliore per i leccesi un grave errore di Mazzei, subentrato a Musarò, permette prima il pari e poi il vantaggio dei padroni di casa.

De Carlo non ci sta e prova in due occasioni a ristabilire la parità.

Ci penseranno Musarò e Arnesano a fissare il primo tempo sul risultato di 4-4

La ripresa non cambia copione, con una serie di botta e risposta che porterà ancora in gol Musarò prima e poi per due volte Arnesano su tiri liberi. La realtà con cui i leccesi si confrontano da inizio anno è quella di tanto bel gioco, non sufficientemente concretizzato in gol: i leccesi producono tanto ma sprecano tantissimo.

A fine gara quello che rimane è un 7 pari con tanta rabbia perché si poteva, anzi si doveva fare di più e portare a casa tre punti che avrebbero messo in cassaforte il decimo posto. Resta ancora molto da lavorare in vista della prossima gara interna contro il fanalino di coda TSZ, che nell’ultima gara ha battuto Futsal Messapia.

Le pagelle di Paisemiu.com

Vita 5,5. Un primo tempo da dimenticare, una ripresa a ottimi livelli. La prestazione del primo tempo è nettamente al di sotto delle sue potenzialità, nella ripresa salva il risultato con interventi eccezionali.

De Carlo 7,5. Gioca davvero bene e ci mette il cuore. Si arrabbia moltissimo per gli errori dei compagni di squadra. Il suo controllo palla e le sue ripartenze sono davvero impressionanti. E’ una sicurezza per tutta la squadra.

Mazzei 5. Una brutta prestazione che contrasta con quella eccellente di Conversano. Nell’ultimo mese gli manca la continuità.

Franco 6,5. Gioca bene, ma il suo innato talento in zona d’attacco contrasta con qualche difficoltà in copertura. Può crescere moltissimo.

Giglio 5. Gioca con il cuore ma più che gli errori sotto porta, ne commette uno gravissimo: cerca il gol e si intestardisce in questo intento, portando all’unico risultato possibile ovvero nervosismo e scarsa lucidità. Deve ritrovare la sua consueta tranquillità.

Arnesano 7. Ottimo come sempre. Si sblocca finalmente sui tiri liberi e non può fare di più, perché trova un’ottima difesa sempre ben posizionata.

Musarò 7,5. Ottima prestazione tutta cuore. I suoi gol incidono pesantemente sulla gara. Gioca bene e la sua assenza si avverte immediatamente non appena lascia il terreno di gioco.  Con una forma migliore sarebbe stato protagonista indiscusso del campionato. Insieme al capitano, avranno il compito di portare la sua squadra ad ottenere gli ultimi sei punti a disposizione.

Pagano, Tarantino, Persano Sv

Arbitro 6. Buona direzione di gara.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLa LILT in campo a Lecce per la lotta al tabagismo
Next articleBotta e risposta, continua la polemica tra Romolo Valzano e il Comune di Lecce