Botta e risposta, continua la polemica tra Romolo Valzano e il Comune di Lecce

0
1244

Palazzo CarafaLecce – Non si placa la polemica tra Romolo Valzano e il Comune di Lecce per un mancato pagamento di una fattura.

La denuncia giornalistica fatta da Valzano, di cui ci siamo occupati nei giorni scorsi con l’intervista all’interessato, ha prodotto la risposta del dott. Salvatore Laudisa dirigente del Servizio Economato del Comune di Lecce che invitava l’imprenditore novolese a volersi recare per oggi, 9 aprile, nell’Ufficio preposto per chiarire la questione.

Il Comune di Lecce sembrava ben disposto a chiudere la faccenda. Questo il testo della risposta inviata a Valzano:

In riferimento alla ‘denuncia’ giornalistica avanzata da Romolo Valzano, titolare di ‘Progetto Azienda’ di Novoli, relativamente alla circostanza di presunti ‘mancati pagamenti’ da parte del Comune di Lecce, è doveroso precisare che questa Amministrazione  – così come sempre ha fatto – è pronta a fornire al diretto interessato tutti i chiarimenti del caso al fine di sollevare il campo da possibili equivoci. In particolare, il dottor Salvatore Laudisa, dirigente del servizio Economato del Comune di Lecce, nel rimarcare la massima trasparenza garantita quotidianamente dall’Ente nell’espletamento dell’attività dei propri uffici, invita l’imprenditore Valzano (e chiunque avesse necessità di ottenere chiarimenti e delucidazioni su aspetti procedurali e tecnici) a presentarsi direttamente a Palazzo Carafa nel pomeriggio di martedì 9 aprile”.

Romolo Valzano, per motivi di lavoro, ha rifiutato di presentarsi, almeno questo è quanto si legge nel comunicato stampa che ha inoltrato in Redazione e che pubblichiamo integralmente:

Grazie per l’invito ma per motivi di lavoro non sono nella possibilità di recarmi questo pomeriggio presso i vostri uffici per i chiarimenti che, sicuramente, con la vostra buona volontà potete darmi rispondendo a queste cinque semplici domande:

1) Quando (la data) vi sono stati accreditati i soldi della Regione riguardante il progetto “tempi e spazi per un ambito di zona partecipato”?

2) Di chi è la responsabilità se l’atto di liquidazione, dopo infinite sollecitazioni è stato fatto solo in data 28/02/2013?

3) Se la Regione vi ha accreditato questi fondi, ma voi non li avevate più per me (come riferito dal Sig. Pareo) era legittimo che voi li impiegaste per altro?

 4) Avete con gli stessi fondi pagato altri collaboratori o altre aziende che hanno collaborato nello stesso progetto?

5) Quando pensate di saldarmi?

Come vedete sono cinque semplici, chiare e inequivocabili domande chiuse; non sono soggette a interpretazioni e dato i vostri ruoli non potete non sapere: solo date, nomi, affermativo o negativo.  Semplice no? ”

Chiude con questo interrogativo l’imprenditore di Novoli. A questo punto c’è da attendere la risposta del Comune di Lecce, oppure la questione ormai è inasprita? Saranno i legali a darsi battaglia oppure il Comune di Lecce pagherà quanto prima il dovuto? Si accontenterà del pagamento della fattura il Valzano o intende proseguire nelle sedi più opportune?

Staremo qui, ad osservare ascoltare e raccontare.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleFUTSAL LECCE, un pari che va stretto
Next articlePagamenti no cash all’avanguardia, per pagare il caffè basta il cellulare