Pagamenti no cash all’avanguardia, per pagare il caffè basta il cellulare

0
489

Pagamenti NFCFinisce così l’era delle monete, l’uomo si libera dunque dallo spiccio che a volte gli pesa anche  fin troppo nelle tasche.

Per pagare il caffè basta il cellulare, questo è successo a Varese che si prepara a divenire una “smart city”, una città connessa alla rete wireless, città intelligente che ha sperimentato il nuovo sistema di “mobile payment” ovvero di pagamento attraverso il cellulare nei negozi e nei locali della città.

Oltre 300 gli esercizi commerciali coinvolti da questa sperimentazione, pilotata da Uni Banca-Banca Popolare di Bergamo e che hanno partecipato a questo nuovo progetto denominato Enjoy Mobile Payments, che mira a diffondere i pagamenti “contact-less”, cioè attraverso particolari smartphone.

La tecnologia in questione usata si chiama Nfc (Near field communication) e si basa su una scheda sim telefonica in grado di assimilare i dati di una carta prepagata Enjoy, di Ubi Banca. Il progetto, avviato a fine gennaio, prevede la diffusione di oltre 500 telefoni cellulari mod. Samsung Galaxy S III a rappresentanti e clienti della cittadinanza varesina, che potranno testare il sistema nei 300 esercizi, bar compresi, già abilitati a praticare il pagamento con gli appositi Pos.

Oltre ad Ubi Banca e a Samsung sono coinvolti anche Vodafone, CartaSi e Sia, processor internazionale dei pagamenti che sviluppa soluzioni di interoperabilità tra compagnie di telecomunicazioni, banche, imprese e service provider.

In Italia sono oltre 20 milioni gli smartphone con tecnologia Nfc; l’unico problema da risolvere resta la tassa di commissione che in questo momento – e dunque in fase di test – rimane analogo a quello di un Pos tradizionale.

L’auspicio è che mediante questa innovativa idea e la diffusione di questo nuovo sistema di pagamento anche nei bar, le commissioni trattenute dalla banca registrino un sostanziale calo al fine di poter rendere più accessibile e fruibile questa nuova “moda”.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleBotta e risposta, continua la polemica tra Romolo Valzano e il Comune di Lecce
Next articleAlessandro Mannarino ritorna a Lecce con “Corde: concerto per sole chitarre”.