Csi Lecce, per riscoprire il nostro I CARE, “Giocare per Credere”.

0
407

Marco CalogiuriMentre l’attività sportiva prosegue tra i vari campionati dal calcio a 5 alla pallavolo passando per il  tennis tavolo e l’Oratorio Cup, domenica 14 aprile è convocata l’Assemblea ordinaria del Comitato CSI di LECCE, per discutere insieme ai presidenti di società sportive e oratori affiliati del lavoro svolto e di verificare tempi, modalità  e nuove proposte, per alimentare il modello di sviluppo del comitato, avviato lo scorso anno. L’obiettivo è cercare di migliorarsi per riscoprire quel senso di  “I CARE, Giocare per Credere”.

L’assemblea presieduta dal presidente provinciale CSI Lecce Marco Calogiuri, si terrà presso il Centro Pastorale San Giovanni Bosco di Merine a partire dalla ore 9.  Non bisogna dimenticare che il punto fondamentale delle attività proposte dal Centro Sportivo Italiano è rappresentata dalla dimensione oratoriale: già proprio quell’Oratorio centro di aggregazione di tanti giovani. E’ proprio questa la scommessa del Csi: quella di avere cura, di avere a cuore i giovani e in particolare quelli che frequentano l’Oratorio e di stare al passo con i cambiamenti repentini della società, del mondo dello sport, di quello giovanile, del disagio, dell’emarginazione. Educare mettendosi in relazione con gli altri, dare una possibilità a tutti di disputare un campionato,una partita e non solo ai più bravi:questo ci deve far riflettere e perché no cercare di avvicinare quei giovani alla parrocchia vivendo l’esperienza sportiva e formativa con trasporto e sentimento, perché fare sport nel CSI significa non solo essere iscritti ma anche partecipare .

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCarlo V, conferenza stampa di presentazione del Festival del Cinema Europeo
Next articleLa LILT in campo a Lecce per la lotta al tabagismo