Locomotive Jazz Festival 2017, sul palco Paolo Fresu

0
209
Paolo Fresu

Continua con strepitante attesa il Locomotive Jazz Festival che vedrà in scena il prossimo 22 luglio, il trombettista e flicornista italiano Paolo Fresu.

Fresu ha iniziato lo studio dello strumento giovanissimo e nel 1980 la grande scoperta del jazz che gli spalanca la porta della popolarità. Nel 1982 registra per la RAI con Bruno Tommaso e frequenta i Seminari di Siena jazz.
Nel 1984 si diploma in tromba presso il Conservatorio di Cagliari e nello stesso anno vince i premi “Radio Uno jazz”, “Musica jazz” e “Radio Corriere TV” come miglior talento del jazz italiano.
Nel 1990 ancora un premio acclama le due doti e vince il “Top jazz” indetto dalla rivista Musica jazz come miglior musicista italiano, miglior gruppo (Paolo Fresu Quintet) e miglior disco (premio “Arrigo Polillo” per il disco ‘Live in Montpellier’).

Le capacità e la professionalità lo portano lontano, tanto che nel 1996 ottiene il premio come miglior musicista europeo attraverso una sua opera della “Académie du jazz” di Parigi ed il prestigioso “Django d’Or” come miglior musicista di jazz europeo. Nel 2000 viene nominato miglior musicista internazionale.

Il successo lavorativo a quel punto diviene inarrestabile. Tra i successi riconoscimenti spiccano le cittadinanze onorarie di Nuoro, Junas (Francia) e Sogliano Cavour e la Laurea Honoris Causa dell’Università La Bicocca di Milano.
Diviene docente e responsabile di diverse importanti realtà didattiche nazionali e internazionali e ad oggi conta più di trecentocinquanta dischi registrati. Nel 2010 apre la sua etichetta discografica Tŭk Music.
Coinvolto in tantissime iniziative musicali, oggi vive tra Parigi, Bologna e la Sardegna. Diventato nel tempo, dunque, uno dei trombettisti più acclamati, Paolo Fresu è stato costretto fin dai primi anni della sua carriera a spostarsi in giro per il mondo e forse proprio la lontananza dalla terra natia è stata la fortuna del musicista.

Amante del jazz, ma anche di tutta la buona musica in generale, il prossimo 22 luglio sarà protagonista della manifestazione musicale, già alla sua dodicesima edizione di Locomotive Jazz Festival. L’evento sarà distinto in tre parti: dalle 19:00 in Piazza Sant’Oronzo e 19:30 presso la Basilica di Santa Croce rispettivamente con Dino Rubino solo piano e Paolo Fresu. Dalle 21:00 lo spettacolo presso il Rettorato dell’Università del Salento, in Piazza Tancredi, dove il musicista si esibirà con il gruppo composto da Raffaele Casarano (sax), Dino Rubino (piano – tromba), Mirko Signorile (piano), Marco Bardoscia (contrabbasso) e Enrico Morello (batteria).