Dal Salento al sogno dell’Arena di Verona: la favola di Ester Fanciullo e dei Kayssah, fra i 12 finalisti del Festivalshow 2015

0
1647

festivalshow finalistiLecce – Nel 2014 Francesca Miccoli, punta di diamante dell’etichetta discografica leccese (e omonima scuola di musica) Arca Del Blues, ha realizzato uno dei sogni della sua vita: cantare sul palcoscenico più importante dello stivale, quello dell’Arena di Verona, e trionfare con la sua “Il Carillon dei Compromessi” al Festivalshow, ormai ampiamente riconosciuto come erede di quello che era l’itinerante Festivalbar.

Tutto questo succedeva quasi un anno fa, ma rischia di ripetersi, dal momento che il Salento e la realtà dell’Arca del Blues continuano a rivelarsi fucina di talenti che si stanno facendo strada nel panorama musicale nazionale. Pochi giorni fa, infatti, si sono svolte a Caorle (Ve), le selezioni per il Festivalshow 2015, un casting finale che aveva lo scopo di eleggere dodici finalisti in mezzo a centinaia di concorrenti.

La “squadra” leccese, proveniente dall’Arca del Blues, accompagnata come di consueto dal direttore Nando Mancarella, e dal figlio Francesco (autore del brano vincitore dello scorso anno, portato al successo da Francesca Miccoli, e le cui composizioni sono state inserite nella compilation “Klasseuno”), era composta da cantanti e band provenienti dalle province di Lecce e Brindisi, in cerca di un posto per avvicinarsi sempre più al sogno di esibirsi all’Arena di Verona. Serena De Simone, Alessia Orlandini, Francesca Renna, Francesco Spedicato, Elisa Madaro, Cesare Montinaro, Martina Pianura, Chiara Uglia, Alessia Martis, Radiophonica, Martina Muci, Andrea De Lumè, Annalisa Mancarella, Kayssah, Ester Fanciullo, questi i nomi dei concorrenti che si sono esibiti a Caorle davanti a una giuria d’eccezione, composta da Mogol, Dodi Battaglia, Dario Salvatori e dal Maestro Adriano Pennino.

Su dodici finalisti assoluti, ben due sono stati scelti tra i ragazzi dell’Arca del Blues: Ester Fanciullo, dalla vocalità raffinata e particolare, e i Kayssah, gruppo di San Pancrazio Salentino (Br) composto da cinque ragazzi che sulle orme di Michael Jackson e Bruno Mars vorrebbero portare il funk in Italia. Ancora una volta la capacità e il talento di questi ragazzi hanno dimostrato che seminare, sacrificarsi, e credere nei propri sogni, ripaga sempre. Il tifo si alza, quindi, per Ester e i Kayssah: la strada per l’Arena di Verona è sempre più vicina!

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCavallino, per il ciclo di “Incontri culturali, appuntamento venerdì 8 maggio con Salvatore Coppola ed il suo saggio su Mons. Panico
Next articleHarold, prima regionale al Teatro Paisiello