Cavallino, per il ciclo di “Incontri culturali, appuntamento venerdì 8 maggio con Salvatore Coppola ed il suo saggio su Mons. Panico

0
253

Fortiter in ReCavallino (Le) – Si terrà venerdì 8 maggio alle ore 19, nella Sala Consiliare “Mario Gorgoni” del Palazzo Ducale dei Castromediano a Cavallino la presentazione del libro Fortiter in re, suaviter in modo. Monsignor Giovanni Panico, il diplomatico salentino al servizio della Santa Sede negli anni di Pio XI  (Giorgiani Editore) di Salvatore Coppola, Storico, già docente di storia e Filosofia nei Licei di Maglie e Madrid.

Introduce e dialoga con l’autore il dottor Giuseppe Orlando D’Urso, Coordinatore culturale della Società di Storia Patria per la Puglia – Sezione del Basso Salento (Maglie).

In questo libro Coppola si sofferma sull’esperienza maturata da Panico nei primi anni della sua carriera diplomatica (1923-1935), rinviando eventualmente ad altro lavoro (quando saranno consultabili gli archivi di Pio XII) la trattazione del successivo periodo. Nonostante tale limitazione temporale, è stato possibile tracciare un profilo molto interessante dell’azione di Panico in Colombia (dove si è impegnato soprattutto per lo sviluppo delle attività missionarie a favore degli Indi), in Argentina (dove ha contribuito a fondare l’Azione cattolica), in Cecoslovacchia, Baviera e Saar.

L’opera viene ad aggiungere un nuovo importante tassello per la conoscenza della vita del cardinale Panico. L’autore, infatti, attraverso le carte dell’Archivio Segreto Vaticano, ci consente di conoscere quanto Panico ha fatto nell’interesse della Santa Sede e della religione cattolica nella sua qualità di addetto alla Nunziatura e incaricato d’affari in Colombia (1923-1926), segretario di Nunziatura a Buenos Aires (1926-1931) e incaricato d’affari a Praga e a Monaco di Baviera tra la primavera del 1931 e l’intero 1935.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article#Regionali2015. Lecce, presentata oggi la squadra del PD a sostegno di Michele Emiliano
Next articleDal Salento al sogno dell’Arena di Verona: la favola di Ester Fanciullo e dei Kayssah, fra i 12 finalisti del Festivalshow 2015