Salento & Dintorni – Una rotonda sul mare tra verità e ‘leggenda’

0
121

Non vi è chi non conosca la canzone del 1964 tanto romantica di Fred Bongusto “Una rotonda sul mare”, brano musicale che ha unito tante coppie ‘estive’ e non, musicato e scritto da Aldo Valleroni, Pietro Faleni e Franco Migliacci.

Tanti lidi del Nord e del Sud Italia si sono ritenuti negli anni quella “rotonda sul mare” : da Senigallia, all’Hotel Lido di Passignano sul Lago Trasimeno, al Lido San Giovanni di Gallipoli, dove nei mitici anni ’60 i “cantanti” si esibivano in memorabili serate molto glamour per quei tempi.

Ma leggenda vuole che la canzone sia stata ispirata dai lidi di Brindisi e in particolare dalla zona attorno alla Diga foranea di Punta Riso…

E’ suggestiva assai la Diga, che si estende – tra la costa settentrionale dell’isola di Sant’ Andrea e l’isolotto di Punta Riso e per un secondo tratto dall’isolotto di Punta Riso verso est – per circa tre km. in mare aperto e che, a passeggiarci su, regala un senso di vertigine, di paura, di ebbrezza e di libertà al tempo stesso e, con il suo braccio di blocchi di cemento, crea un porto sicuro per le imbarcazioni, che, guidate dal faro posto al suo ingresso lato mare, guadagnano riparo.

Lo spettacolo della Diga è emozionante, perché da un lato ci si confronta con il mare aperto e con altissimi marosi, che si infrangono sui blocchi di cemento frangiflutti, e dall’altro con la calma piatta assoluta del bacino portuale, su cui si specchiano il Castello e il Forte a mare nel Seno di Bocca di Puglia, tra l’Isola di S. Andrea e il porto medio.

I pescatori e gli atleti runners di Brindisi amano la Diga, che consente loro di godersi un luogo che sa di iodio e di salsedine; ma anche le coppiette amano la singolare privacy di quel braccio di cemento, alto sul mare, dove si sente il rumore delle correnti sottomarine.

Anche i gabbiani amano quella zona mozzafiato e intonano cantilene stridule, ben diverse dalla melodia di Fred Bongusto…

La “rotonda sul mare”, allora, potrebbe essere davvero quell’area appartata e romantica, affacciata sulle Isole Pedagne, un minuscolo arcipelago nella zona militare invalicabile del Gruppo Scuole ONU, perché l’atmosfera della Diga e del Porticciolo turistico di Brindisi nulla ha da invidiare e non è meno intrigante di quella di un night club

Avvocato Patrocinante in Cassazione Giudice Onorario Tribunale Brindisi Conciliatore Spec.to consumo e bancario

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleIl Lecce gioca bene ma si ferma a Palermo
Next articleLinklassica … Vivaldiana memoria