Campi Salentina: Abbiamo smascherato un bugiardo

0
1858

Campi SalentinaCampi Salentina (Le) – Dopo un’accurata inchiesta e mentre l’assessore ai lavori pubblici al Comune di Campi, montava polemiche sterili e si fregiava in pompose dichiarazioni su “Campi si fa bella”, siamo riusciti a svelare l’arcano di così tanta premura nel voler testimoniare un’assillante e quotidiana presenza dentro il Palazzo.

L’assessore Sirsi ha, infatti, beneficiato di permessi retribuiti in maniera irregolare.

Ha, infatti, confuso i permessi giornalieri con i permessi orari, ha sconfinato abbondantemente e con una certa regolarità il plafond previsto per legge delle 24 ore mensili, ha dichiarato la sua presenza in riunioni di giunta e commissioni mai venute ad esistenza, arrecando in questo modo, un danno erariale per il Comune di Campi.

La cornice è grigia da qualsiasi punto la si osservi. Abbiamo presentato una mozione affinché il Consiglio Comunale tutto possa prendere atto della gravità della situazione e credo che siano inutili i tentativi di secretare all’opinione pubblica quanto da noi denunciato.

La scarsa propensione dell’assessore al rispetto del democratico dibattito e delle norme di legge e il tentativo da parte del prof. Zacheo di occultare all’opinione pubblica questa mancanza di legalità per una pietosa difesa d’ufficio, sono la dimostrazione di quanto si predica bene, ma si razzola male. Anzi, malissimo.

Sono state rinvenute attestazioni rilasciate e sottoscritte dallo stesso assessore Sirsi, nella qualità di presidente del Coordinamento istituzionale dell’ambito territoriale, che tuttavia, non corrispondono a riunioni effettivamente tenutesi, così come risulta da accertamenti effettuati  presso gli Uffici Protocollo e Servizi Sociali.

A fronte di sole 3 riunioni del Coordinamento, ritualmente convocate ed effettivamente tenutesi, sono stati prodotti certificati per ben 7 riunioni inesistenti!

È emerso altresì che l’assessore Sirsi risulta impegnato nella riunione di giunta dell’Unione dei Comuni del 29 dicembre 2014, ma dalla relativa delibera, è presente per il Comune di Campi Salentina, solo il sindaco Zacheo.

Il consiglio comunale dell’11 dicembre 2014 per l’assessore Sirsi ha una durata di 8 ore e 30, ma in realtà dura solo 45 minuti.

Analogamente, il consiglio comunale del 21 marzo 2014, convocato per le ore 11, per l’assessore Sirsi ha invece inizio alle ore 8.30.

Anche riguardo alle attività di giunta è stato possibile riscontrare come l’assessore si dichiari impegnato in giunta il 4 giugno del 2014, ma in realtà la prima giunta del mese di giugno si è avuta solo il 13.

Infine, altra discrasia è quella relativa ai certificati giustificati del 27 e del 29 maggio 2014, nei quali l’assessore si dichiara impegnato in attività amministrativa connessa al mandato. L’anomalia risiede nella circostanza che il decreto di nomina del sindaco è solo del 29 maggio, con relativa accettazione dell’incarico da parte dell’assessore, solo il 30 maggio. Per cui, quale attività amministrativa (rimborsabile!) esercitava in quei giorni l’assessore Sirsi?

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleRock e Natura tra gli Ulivi Secolari del Salento
Next articleRifiuti, il rispetto dell’ambiente a Squinzano quanto lascia a desiderare?