“Strumenti, suoni e colori della banda” un libro di Antonio Martino

0
752

Strumenti suoni e colori della bandaCome si imparava la musica prima? C’erano le botteghe in cui gli artigiani orientavano i giovani all’ascolto e all’utilizzo degli strumenti musicali bandistici. Così nascevano e si tramandavano le bande. La Banda riveste un ruolo molto importante nel Meridione, particolarmente in Puglia, essa rispecchia la tradizione del territorio e soprattutto ne conferisce l’ identità musicale e culturale.


Antonio Martino è l’autore di “Strumenti, suoni e colori della banda“, un libro edito nel 2014 da Editrice Salentina – Galatina.  Maestro cultore e grande studioso della musica, A. Martino ha dato vita ad una scuola bandistica nella Città di di Monteroni al fine, non solo di educare i ragazzi alla musica e all’ascolto, ma di educarli attraverso essa.

L’autore, diplomato in composizione e pianoforte presso il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, è stato Direttore Artistico del Concerto Bandistico Città di Monteroni di Lecce e consulente musicale per varie testate, rassegne e concorsi; con tale libro anela all’avvicinamento, alla comprensione e valorizzazione di una delle più antiche e importanti arti del nostro territorio.

La banda di un tempo non è quella di oggi  – ci racconta – un tempo al fine dell’esibizione il maestro e i musicisti erano pronti ad ogni critica, oggi le bande ricevono solo applausi perché il pubblico non ascolta. Una disciplina complessa quella della storia bandistica e della composizione originale per bande, ma che l’autore affronta nel libro in termini semplici, accompagnando il lettore all’apprendimento di un mondo articolato quanto affascinante.

Quattro le parti affrontate: “Gli strumenti della banda“, con una descrizione accurata delle varie famiglie che compongono l’organico bandistico, “Marce celebri, analisi“, “Brevi percorsi analitici di marce celebri” e infine un “Glossario” dei termini più tecnici con una bibliografia e la biografia completa dell’autore.

Oggi la musica si può ascoltare in  digitale, anche ad alta risoluzione, ma imparare a suonare e fare musica dal vivo regala qualcosa che va ben oltre il semplice ascolto. La musica va ascoltata ed imparata a colori – dice l’autore – senza i colori non si può fare musica. Perchè ascoltare la musica bandistica? Perché è storia, si fa identità del territorio e in quanto tale, dovrebbe essere affrontata in un contesto didattico; “Nel modello della musica sono contenute le chiavi dell’apprendimento” diceva Platone, non conta solo affrontare la musica in quanto disciplina quindi, ma fare di essa un modello d’insegnamento.

Strumenti, suoni e colori della banda“, un libro nato dall’alta preparazione e  l’attento studio di un autore che spazia tra argomenti appetibili, sia ai grandi intenditori del genere che e a coloro che si approcciano ad  una forma musicale, meno conosciuta di altre, ma assolutamente non meno amabile.  

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, un dibattito sul reddito di dignità
Next articleStorie Impre(s)se, il libro di Oronzo Trio si mostra a Surbo