Novoli, un dibattito sul reddito di dignità

0
445

Politiche di inclusione e contrasto alle povertà i temi centrali dell’incontro, in programma mercoledì 20 aprile alle ore 18 nella sala conferenza del ritrovato Palazzo Baronale di piazza Regina Margherita. Attesi gli interventi dell’assessore regionale Negro e degli esperti Vito Peragine e Titti De Simone


REDNovoli (Le) – Un incontro che permetterà di conoscere da vicino ReD, il progetto sul Reddito di Dignità della Regione Puglia che consentirà ai nuclei familiari indigenti, con reddito al di sotto della soglia di povertà, di recuperare capacità di spesa attraverso la formazione professionale e il reinserimento nella società e nel mondo del lavoro.

Mercoledì 20 aprile, dalle ore 18 nella sala conferenze del Palazzo Baronale di piazza Regina Margherita a Novoli, se ne discuterà con l’assessore al Welfare della Regione Puglia, Salvatore Negro, e con gli esperti Vito Peragine (docente di Economia all’Università di Bari) e l’onorevole Titti De Simone (consigliera politica della Presidenza della Regione). Durante l’incontro-dibattito, dal titolo “Le politiche per l’inclusione sociale e il contrasto alla povertà”, sono previsti anche l’intervento del sindaco novolese Gianmaria Greco e un’introduzione alla tematica del consigliere alle Politiche Giovanili, Katia Cosma, che modererà l’incontro e gli interventi.

“Il RED è un’importante opzione per una fascia sociale bisognosa – dice il primo cittadino novolese Greco – che purtroppo rappresenta un segmento sempre più consistente della comunità. Questo convegno ci da l’opportunità di chiarire i termini e le modalità di accesso ad un strumento importante per fronteggiare la problematica sociale. Sicuramente questa occasione e questo nuovo programma avranno ripercussioni positive su soggetti indigenti e famiglie svantaggiate”.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleIl potere in Italia
Next article“Strumenti, suoni e colori della banda” un libro di Antonio Martino