Torre Chianca, il ritorno allo splendore, dopo il restauro

0
516

Torre ChiancaPorto Cesareo (Le) – Da qualche tempo Torre Chianca, sita sulla costa di Ponente del litorale di Porto Cesareo, è ritornata all’antico splendore, è stata “scartata”, sono stati tolti i ponteggi che offuscavano la sua bellezza e la rendevano un dado metallico, stagliato all’orizzonte del litorale, che conduce verso Torre Lapillo.

Torre Chianca o di Santo Stefano, sorge su una piccola penisola nelle vicinanze della località “Scalo di Furno”, importante sito archeologico nel quale sono stati trovati resti di un villaggio abitato fin dal protozoico.

Essa venne costruita nello stesso periodo di Torre Cesarea , nel 1567/70. Ha la pianta quadrata, un’altezza di 18 mt ed è priva di scale esterne.

Dopo la delibera del maggio 2010 da parte del Comune di Porto Cesareo, nel 2011 sono ufficialmente iniziati i lavori che prevedono il recupero e la valorizzazione della Torre Costiera, diretti dall’ ing. Massimo Alemanno e dall’arch. Giuseppe Quarta.

I lavori prevedono la restaurazione esterna, già attuata, ed interna dello stabile, i cui locali superiori verranno destinati alla costruzione del Museo del Mare con annesso centro di servizi turistici e visite guidate nelle vicine zone archeologiche.

La parte inferiore sarà destinata ed allestita per il ricovero e l’assistenza delle tartarughe caretta caretta, delle quali già se ne occupa il CEA di Porto Cesareo.

Siamo certi, come affermato dall’ Amministrazione, che Torre Chianca diventerà simbolo di rilancio delle politiche ambientali dello Ionio.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTutto è bene quel che finisce bene: i pompieri salvano un gattino a Novoli
Next article“L’arte dell’incontro”: artisti, associazioni ed istituzioni uniti per l’integrazione