Salento 2013, la Gioventù Immobile

0
712

Sta per concludersi il settennio di promozione della mobilità giovanile all’interno dell’Unione Europea con il programma Youth in Action, Gioventù in Azione. Ben sette anni di progetti, scambi interculturali, workshop e tirocini, finanziati dall’UE, che utilizzano come lingua veicolare l’inglese, concedendo quindi ai partecipanti l’occasione di mettere in pratica e migliorare anche le competenze linguistiche.

Youth in Action è un programma dell’UE messo a punto per i giovani. Lo scopo del progetto è ispirare un senso di cittadinanza Europea attiva, solidarietà e tolleranza tra i giovani Europei e il loro coinvolgimento nel futuro dell’Unione, attraverso l’esperienza all’estero. Le sue proposte promuovono la mobilità dentro e fuori i confini dell’UE, attraverso l’apprendimento non formale, il dialogo interculturale, e l’incoraggiamento di tutti i giovani a dispetto del loro stato sociale, educazionale e culturale. In Italia è realizzato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani.

Ogni anno, dal 2007, migliaia di progetti vengono sottoposti all’attenzione dei promotori del programma, che li valutano e li selezionano, destinando finanziamenti per quelli più validi.

Ma quanti di questi giovani ne era a conoscenza?

Secondo un piccolo sondaggio realizzato tra i giovani salentini i dati sono davvero preoccupanti, o meglio deludenti. Dei 30 ragazzi di Lecce, tra i 20 e i 28 anni, a cui è stata posta la domanda: “Sai cos’è Youth in Action, Gioventù in Azione?”, solo 8 hanno confermato di esserne a conoscenza, soltanto 6 hanno saputo darne una precisa definizione, e solamente 5 avevano partecipato attivamente a una delle numerose iniziative appartenenti al programma.

Le grandiose opportunità di questi sette anni di viaggi educativi quasi totalmente finanziati, sono state largamente ignorate e quindi sprecate dalla maggioranza della gioventù salentina, poiché, semplicemente, non ne erano a conoscenza. Ne deriva una riflessione sui due aspetti che più di tutti hanno determinato questa “immobilità”: un sistema scolastico e accademico generalmente scollegato dagli “alti” programmi Europei, e una diffusa indifferenza giovanile nei confronti di questioni di tipo “social”, che non siano “network”.

Per saperne di più:
http://eacea.ec.europa.eu/youth/index_en.php
http://www.agenziagiovani.it/il-programma.aspx
http://www.salto-youth.net/

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNuoto, Riccardo Blaco, il giovane talento novolese, ai campionati italiani primaverili indoor
Next articleNovoli, incidente stradale in via Salice