Pete cata pete … alla scoperta del Salento

0
475

Pete cata peteContinua anche per il mese di settembre la rassegna di visite guidate del Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto.

“Pete cata pete” che, in dialetto salentino, vuol dire passo dopo passo, intende far scoprire a turisti e appassionati locali un Salento nascosto, capace ancora di uscire dagli schemi preconfezionati e attrarre con la sua magia e la sua spontaneità.

Tutti i lunedì sarà possibile seguire l’itinerario LECCE SEGRETA: un viaggio tra le leggende del capoluogo, tra vicoli e luoghi poco conosciuti, alla scoperta dei simboli di pietra incisi su chiese e palazzi, delle storie mitologiche legate alla nascita della città e del suo sviluppo, ai segreti di apparizioni e magie popolari che tra i vicoli barocchi trasformano la città in un palcoscenico a cielo aperto.

I mercoledì ci si sposta a Galugnano con l’itinerario NEVE D’AGOSTO: dal barocco dello Zimbalo ai menhir preistorici e alle tombe medievali, per poi terminare in un paesaggio di grande suggestione tra trulli e ulivi centenari con la chiesa di S Maria della Neve, custode di misteriose incisioni e pregevolissimi affreschi quattrocenteschi, della scuola orsiniana al lavoro nella basilica di S. Caterina di Galatina.

I venerdì saranno all’insegna dei luoghi di S. Giuseppe da Copertino: LU SANTU CA ULAVA. Il santo asino, incapace di tenere in mano un piatto senza romperlo, capace di volare libero nel cielo durante le sue estasi. Un incredibile racconto tra fede e magia in una delle più interessanti città della provincia, coi suoi vicoli, le sue chiese e il suo castello.

Inizio visite guidate ore 17:30. Prenotazione obbligatoria tramite il sito www.welcomelecce.net o www.terradotranto.org

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce – L’Aquila: Le probabili formazioni
Next articleUn gioco di anime