UBU R1E: nuovo appuntamento con il progetto “Io ci provo!”

0
326

ubu r1eLecce –  Si rinnova domani sera, giovedì 10 aprile alle ore 19.30 presso le Manifatture Knos a Lecce, l’appuntamento con la terza edizione del progetto “Io ci provo”, laboratorio e percorso teatrale rivolto ai detenuti della sezione maschile della “Casa Circondariale Borgo S. Nicola” di Lecce, organizzato dall’ Associazione  Culturale Factory Compagnia Transadriatica.

Il progetto, ideato e condotto da Paola Leone della Factory Compagnia,  nasce nel 2005 con i detenuti del carcere di Taranto, negli anni è poi cresciuto fino ad acquisire una maggiore chiarezza rispetto agli obbiettivi da perseguire e una maggiore consapevolezza delle potenzialità del teatro all’interno del carcere.

 

Nell’incontro di domani, sarà proiettato “UBU R1E”, video racconto di Mattia Epifani che da due anni segue il lavoro di Paola Leone all’interno del carcere e prodotto da Muud Film e Factory Compagnia.

Nell’inverno del 2013 nella Casa Circondariale Borgo S. Nicola si è svolto il laboratorio teatrale Io ci provo con i detenuti della sezione R1.

 Nelle ore che precedono la messa in scena gli attori-detenuti si raccontano e restituiscono le loro sensazioni, emozioni e azioni dopo i 6 mesi di percorso teatrale per la costruzione dello spettacolo UBU R1E, tratto dall’opera di Jarry.

Alla proiezione saranno presenti alcuni dei partecipanti che hanno finito di scontare la loro pena e alcuni detenuti-attori che hanno partecipato alla realizzazione dello spettacolo. Per l’occasione sarà allestita anche la mostra “Ubu Re Postcard”.

Il progetto è stato finanziato dalla Chiesa Valdese e patrocinato dalla Regione Puglia.{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCarabinieri da due secoli, tra storia e futuro: un convegno a Novoli, venerdì 11 aprile
Next article2^ edizione del giro ciclistico dell’Unione dei Comuni del Nord Salento: appuntamento a Novoli il prossimo 13 aprile