Trepuzzi, mobilitazione popolare per dire STOP ai botti di capodanno

0
807

Io dico no ai bottiTrepuzzi (Le) – Si chiama Alessio Greco, è cittadino di Trepuzzi e Senatore Accademico presso l’Università del Salento. Si è sempre battuto per il rispetto della vita degli animali e per la loro dignità, grazie anche allo smisurato amore che egli dimostra nei loro confronti.

Ora, in prossimità delle festività natalizie, puntualmente caratterizzate da un uso – talvolta smodato –  di petardi e fuochi d’artificio, Greco vuole ricordare come questa cattiva abitudine sia fonte di grave pericolo, non solo per le persone ma anche per gli animali.

Per questo, nei giorni scorsi, ha lanciato una petizione con la quale chiede che – soprattutto nella notte di San Silvestro – vengano vietati i botti di capodanno nella sua cittadina; la motivazione più importante è proprio il fatto che molti animali sono costretti a subire violenze psicologiche mentre l’uomo, incurante, fa uso e abuso di strumenti pirotecnici peraltro pericolosi anche per sé stesso.
Nella sua petizione Greco scrive: “Ogni anno, sono oltre 5.000 gli animali (domestici e selvatici) che muoiono nella notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio. Negli uccelli un botto causa uno spavento tale che li induce a fuggire dalle loro tane (alberi, siepi e tetti delle case), volando al buio alla cieca, andando a morire sfracellati addosso a qualche muro, albero, cavi elettrici o automobili. Nei gatti, e soprattutto nei cani, un botto crea forte stress e spavento tali da indurli a fuggire dai propri giardini e recinti, per scappare dal rumore a loro insopportabile, finendo vittime del traffico o di ostacoli non visibili al buio.
Gli animali che rimangono in casa vengono colpiti dalla paura per questi rumori forti e improvvisi; e spesso questa paura si trasforma in una vera e propria fobia, con sintomi quali tremori, vocalizzazioni, tentativo di nascondersi o fuggire, eliminazioni di feci o urine, distruzione di oggetti, forte aumento della salivazione, ecc. E questo non accade solo nella notte di San Silvestro o più in generale durante le festività natalizie o feste patronali, ma ben prima, dal momento che già nei giorni che precedono le ricorrenze, si sentono spari e botti”.

Greco, dunque,  chiede al Sig. Sindaco di Trepuzzi, Oronzo Valzano, di firmare l’ordinanza che vieta categoricamente su tutto il territorio comunale, a pena di sanzione amministrativa, l’utilizzo di fuochi artificiali, razzi, botti e altri strumenti pirotecnici che, per le loro particolari caratteristiche, possono causare gravi danni alle persone, mettendo a rischio l’incolumità dei cittadini e che, a causa del fragore molesto e il fumo anomalo, possono portare gli animali domestici e selvatici  a comportamenti anomali causando forte stress, disorientamento, panico e finanche la morte.

L’appello, inoltre, si rivolge anche ai cittadini, a quanti ancora non si dimostrano particolarmente attenti a questo problema, perché l’occasione si renda propizia ad una corretta informazione sui possibili danni e sull’inutilità di scoppiare petardi, bengala e fuochi d’artificio.

Firma la petizione