Suicida in carcere a soli 38 anni. L’OSAPP: “La vigilanza dinamica è un vero fallimento”

0
1294

Celle a Borgo San NicolaLecce – Il corpo esanime ed un sacchetto saturo di gas: questo è quanto questa notte gli agenti di Polizia Penitenziaria di turno nel carcere di Borgo San Nicola, a Lecce, hanno trovato in una cella nel reparto infermeria dell’istituto penitenziario. Si è concluso così, con un suicidio, il viaggio terreno di un giovane 38enne originario di Campi S.na, M.Z., detenuto in seguito a condanna definitiva per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nessuno si è accorto di nulla, né le guardie né i compagni di cella; così che, complici il buio ed il silenzio della notte, il giovane ha potuto dar luogo ai suoi propositi senza alcun impedimento. Vani sono stati i soccorsi appena la vigilanza, allertata dall’odore acre del gas, si è subito allarmata e precipitata per evitare il peggio. Ormai tutto era compiuto e, per il giovane detenuto, non si è potuto far altro che constatarne il decesso. Il magistrato di turno ha poi disposto l’autopsia che, con ogni probabilità, sarà effettuata domani.

Sull’accaduto interviene l’OSAPP, il sindacato autonomo degli Agenti di Polizia Penitenziaria che – si legge in un documento ufficiale a firma del segretario provinciale, Ruggiero D’Amatoribadisce il fallimento della cosiddetta ‘vigilanza dinamica’, la quale, di fatto, ha messo in discussione il rapporto fra numero di detenuti e numero di agenti, eliminando letteralmente il controllo dei penitenziari stante la persistente carenza di personale per la vigilanza sulla comunità dei detenuti”.

A tal proposito lo stesso sindacato chiede un incontro urgente con i vertici dirigenziali affinché si ponga fine allo spreco di risorse e si torni ad investire su persone e mezzi capaci di sovvenire alle necessità di un corpo, quello della Polizia Penitenziaria per l’appunto, ad oggi sempre più mortificato dai tagli strategici e dalla demagogia di una certa politica più orientata al consenso elettorale che alla reale risoluzione dei problemi insistenti nelle strutture carcerarie italiane. 

Direttore Responsabile Paisemiu.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSquinzano: 4 e 7 ottobre incontri con l’Associazione MalaChianta
Next articlePrimi