Squinzano, misure cautelari per alcuni esponenti della criminalità locale

0
2334

guadadielloSquinzano (Le) – Ieri 28 gennaio 2016 presso la casa circondariale di Lecce, i Carabinieri della Stazione di Squinzano hanno notificato una ordinanza di custodia cautelare in carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso emessa dal G.I.P. del Tribunale di Lecce, nei confronti di GUADADIELLO Paolo, 29enne residente a Torchiarolo (BR), pluripregiudicato e detenuto presso quell’istituto dal 29 dicembre 2015, per il tentato omicidio di Antonio Rizzello. Il provvedimento cautelare è scaturito  da una complessa attività di indagine dei Carabinieri di Squinzano, in cui si è accertato che GUADADIELLO da almeno due anni, quale assiduo  

Movida avventore del del bar “Movida”, aveva consolidato l’abitudine di consumare bevande varie senza mai pagare, tenendo atteggiamenti arroganti e minaccisosi tipici da “boss”, arrivando finanche ad allontanare arbitrariamente gli avventori presenti. Gli atteggiamenti intimidatori sono poi culminati nell’episodio dell’11 ettembre 2015, giorno in cui GUADADIELLO entrato con altre persone nel bar, dopo aver bevuto e perso soldi alle slot-machine, avrebbe in preda all’ira danneggiato alcuni arredi ed il registratore di cassa obbligando poi il titolare del bar a mettere in ordine.

Mentre nel primo pomeriggio di oggi 29 gennaio 2016sempre i carabinieri della stazione di Squinzano  hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Lecce nei confronti di Roberto Napoletano 30enne di Squinzano (le) napoletano robeto . jpgpluripregiudicato, detenuto agli arresti domiciliari per minaccia aggravata dall’uso delle armi. Il provvedimento scaturisce dall’attività di indagine svolta militari della locale Stazione Carabinieri unitamente al Nucleo Operativo della Compagnia di Campi Salentina, in seguito alla denuncia del 27 gennaio sporta dal fratello Angelo anche lui agli arresti domiciliari. Secondo quanto dichiarato dal predetto, infatti, dopo una lite per futili motivi che riguardava il bestiame, il fratello Roberto aveva esploso un colpo di pistola in aria per minacciarlo. Da quanto emerso, già in passato vi erano state altre simili minacce, tra le quali quella del 14 dicembre, giorno in cui Roberto sparò colpi di fucile contro la casa di Angelo. Il GIP ha pertanto deciso di ripristinare la misura cautelare del carcere per NAPOLETANO Roberto.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCasertana-Lecce: le probabili formazioni
Next articleUna nuova specie: l’omosessuale!