I tifosi del Lecce si costituiscono parte civile

0
707

foto tifosi massimo cassoneL’associazionismo leccese, dei tifosi dei colori giallorossi, dopo il successo della manifestazione organizzata al Castello Carlo V, terminata il primo maggio, decide di costituirsi parte civile nel Processo sulla presunta combine del derby Bari-Lecce, che si celebrerà Il prossimo 10 maggio presso il Tribunale di Bari.

 A farsi promotore di questa iniziativa l’avvocato Giuseppe Milli, evidenziando che il patrocinio sarà a titolo completamente gratuito. Oltre al famosissimo Avvocato Milli, a curare la pratica ci sarà l’Avvocato Francesco Calabro; i tifosi che decideranno di dare mandato agli avvocati, quindi, non spenderanno un centesimo.

Pertanto le associazioni “Noi Lecce”, “Lecce in Azione” e “Salento GialloRosso”, hanno ritenuto opportuno condividere l’appello lanciato all’intera tifoseria leccese dall’avvocato, di tutelarsi per vigilare e conoscere la verità su una delle pagine più dolorose dell’ultracentenaria storia del club giallorosso.

Per aderire alla costituzione di parte civile sarà sufficiente recarsi entro il prossimo 9 maggio presso lo studio dell’avvocato Milli in via Milizia 51  o presso lo studio dell’avvocato Calabro in via D’Aragona 13, entrambi a Lecce, muniti delle copie degli abbonamenti delle ultime tre stagioni calcistiche, oppure con un cospicuo numero di biglietti per ciascun campionato in questione, oltre ad una copia del proprio documento d’identità. In alternativa, gli interessati possono inviare tutto il materiale agli indirizzi di posta elettronica studiomilli@hotmail.com e f.calabro@petrellieassociati.com.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Sciuscetta, nu currere a nfuria”, la compagnia “Mario Teni” pronta a replicare domenica 5 maggio
Next articleVerso Lecce-Carpi. Toma: “Vincere senza pensare al Trapani”.