Il rientro del ciclo-pellegrinaggio Campobasso – Copertino

0
266

Copertino (Le) – Hanno sciamato in sella alla proprie biciclette i ciclo-pellegrini che hanno concluso con il rientro a Copertino, nel pomeriggio di oggi, il proprio percorso ciclistico in onore di San Giuseppe Desa.

Da tredici anni, l’associazione “Casello 13” organizza il ciclo-pellegrinaggio Osimo-Copertino, nel segno proprio del Santo dei voli. Quest’anno, nel consueto tracciato, è stata inserita una tappa intermedia, quella di Campobasso, comune partner del progetto #Dynamob2.0.
Il progetto DynamicMOBILITization 2.0 vede il Comune di Copertino capofila e intende promuovere l’adozione di un sistema di mobilità integrato, attraverso soluzioni di trasporto intelligente e verde con l’utilizzo di veicoli elettrici non inquinanti, il ricorso al bike-sharing e la creazione di infrastrutture per auto elettriche nell’area transfrontaliera interessata. L’azione, infatti, è finanziata all’interno del Programma Interreg IPA CBC Italia – Albania – Montenegro 2014-2020. Il Comune di Copertino, in rete con i partner italiani Agenzia Formativa Ulisse (Lecce) e Comune di Campobasso, la Municipalità di Budva (ME), la Camera di Commercio di Tirana (AL), la Municipalità di Skrapar (AL) e quella di Tirana è impegnato a mettere in campo soluzioni logistiche e tecnologiche per la riduzione dell’impatto antropico sull’ambiente e la promozione di una mobilità sostenibile nelle zone turistiche.

Il ciclo-pellegrinaggio, che ha visto coinvolti 25 ciclisti, ha rappresentato proprio una sperimentazione di uno dei percorsi cicloturistici ideati nell’ambito del Programma.
Nel palazzo comunale il Sindaco, Sandrina Schito e il Presidente del Consiglio Comunale Cosimo Lupo, accompagnati dal gruppo di lavoro comunale del Progetto Interreg, costituito dall’Ingegner Fabio Minerva, dagli architetti Barbara Miglietta e Francesca Fasano e dalla dott.ssa Rosaria Palazzo ha accolto i pellegrini su due ruote, guidati da Nino Grasso e vissuto un momento di convivialità e scambio di impressioni su questa #Dynamob road e sull’esperienza vissuta.