Covid-19, Marco De Luca (Novoli): “Abbiate un comportamento all’altezza della situazione”

0
1094

Novoli (Le) – Come più volte e in differenti occasioni era stato preconizzato, il “libera tutti” scattato a partire dal 4 maggio in poi ha fatto si che le rigide restrizioni imposte dal Governo in seguito alla diffusione del Coronavirus nel mondo, passassero gradualmente – ma neppure tanto lentamente – in cavalleria. Così che, dimentichi dei sacrifici imposti e subiti nel corso di quasi tre mesi, si rischia oggi di tornare alla condizione di partenza, quella delineatasi a marzo 2020 e che vide costretti Capi di Stato e di Governo a provvedere e correre ai ripari.

Ora, a far paura, è il Covid di ritorno e l’ipotesi – non tanto remota – di una recrudescenza che spingerebbe nel baratro milioni se non addirittura miliardi di abitanti del pianeta.

Sul tema è intervenuto con un post pubblico sul suo profilo Facebook il Sindaco di Novoli, Marco De Luca che, preoccupato delle possibili conseguenze di un certo lassismo comportamentale, non esita a richiamare all’ordine i suoi concittadini invitando tutti alla massima consapevolezza ed a tenere un comportamento all’altezza della situazione.

“Non possiamo ignorare, anche se contenuto, il numero di positivi al Covid-19 in Salento – scrive De Luca -. Molti hanno abbassato la guardia. Non è il momento di farlo. Indossare la mascherina correttamente nei luoghi chiusi o all’aperto se affollati (coprendo anche il naso), mantenere la distanza fisica di un metro ed evitare assembramenti sono azioni semplici da rispettare. Non costa nulla. Si potrà andare lo stesso al mare, si potrà tranquillamente mangiare una pizza con gli amici o bere un caffè al bar.
Come Sindaco –
conclude Marco De Luca – sento la necessità di ricordare a tutti queste poche ma fondamentali regole, che ci permettono di vivere le nostre vite tranquillamente. In questi giorni non mancheranno i controlli nei luoghi più affollati. Abbiamo visto che con questo virus non si scherza. Siamo tutti responsabili e vi prego la massima condivisione e diffusione”.