Piazza Nicola Arigliano, metafora della città

0
229

Casalabate/Squinzano (Le) – Quest’anno, nonostante le difficoltà dovute al COVID-19, il Comune di Squinzano ha organizzato, a partire dal 17 luglio al 18 settembre, una serie di eventi all’insegna della varietà. Gli appuntamenti, visibili nella locandina ESTATE CASALABATE (Marina di Squinzano), consistono in presentazioni di libri, mercatini dell’artigianato, una mostra d’auto e moto d’epoca, diverse feste come quella di San Nicola, un torneo sportivo, ecc. Naturalmente non possono mancare i concerti in quanto, com’è noto, la cittadina salentina ha una significativa vocazione per la musica. Se l’Abbazia di Cerrate (24-26 luglio) con il IV Festival Internazionale di Musica da Camera “Classiche forme” ha sottolineato vibranti rapporti tra musica e architettura, in Piazza Plebiscito, a Squinzano, l’apertura della Rassegna Cinema d’autore dedica una serata ad Ennio Morricone. Non mancano altre iniziative con generi musicali diversi tra cui il folk, il rock, ecc.

Scorrendo il programma, un elemento che non sfugge è lo svolgimento di molte manifestazioni nella Piazza Nicola Arigliano, ex Piazza Lecce, a sottolineare il luogo e lo spazio rappresentante il cuore pulsante della marina e alludendo, dal punto di vista toponomastico anche con una reminiscenza dell’agorà greca, alla sua funzione aggregativa.

Ad ufficializzare e a caricare di significati il luogo, la sera dell’11 agosto alle ore 21 è prevista l’iniziativa Benvenuti a Piazza Nicola Arigliano cui segue un concerto. Come suggerisce il titolo di una canzone del celebre artista si tratta di un’iniziativa “amorevole”, a cura dell’Amministrazione Comunale e del Circolo Jazz «Nicola Arigliano», inserita nell’ambito dei festeggiamenti del decennale della scomparsa del crooner.

L’omaggio al celebre squinzanese è curato dal LARRY FRANCO QUARTET con: Larry Franco (pianoforte e voce, definito da Renzo Arbore l’unico vero successore di Nicola Arigliano in Italia), Attilio Troiano (clarinetto, sax e trombone), Guido Di Leone (batteria e chitarra), Ilario De Marinis (contrabbasso) e Dee Dee Joy (voce- special guest) che nell’occasione presenta I Sing Nicola con un programma che ripropone i classici tratti dal repertorio di Arigliano, tra cui: I Sing Amore, Permettete Signorina, Amorevole, Oh Baby kiss Me, 20 Km al giorno, Colpevole, Il pinguino innamorato, Maramao perché sei morto ecc.

L’iniziativa prevede interventi del sindaco dott. Gianni Marra e dell’assessore alla cultura dott.ssa Eleanna Bello in rappresentanza dell’amministrazione, oltre alla presenza dei nipoti, il maestro Franco Arigliano e la dott.ssa Paola Bracciale, dell’infaticabile dott. Alfonso Renna, presidente del Circolo Jazz «Nicola Arigliano» e dei rappresentanti delle seguenti associazioni gemellate: «Domenico Modugno» di San Pietro Vernotico, «Sailing Club» di Casalabate e «Galileo» di Trepuzzi.

Sicuri del successo dell’iniziativa, l’evento rappresenta anche un momento corale in cui tutti possono stringersi nel ricordo non solo del Maestro, ma dell’umanità di un personaggio che, attraverso la sua esperienza di vita, sembra ancora comunicare un messaggio di speranza: «Ognuno ha il suo raggio di sole/Ognuno ha il suo spicchio di cielo/Ognuno ha il suo quarto di luna/Si tratta solo d’aspettare e arriverà».

Compositore, Direttore d’Orchestra, Flautista e Musicologo. Curioso verso ogni forma di sapere coltiva l’interesse per l’arte, la letteratura e il teatro, collaborando con alcune riviste e testate giornalistiche. Docente presso il Conservatorio di Perugia, membro della SIdM (Società Italiana di Musicologia), socio dell’Accademia Petrarca di Arezzo, dal 2015 ricopre l’incarico di Direttore artistico dell’Audioteca Poggiana dell’Accademia Valdarnese del Poggio (Montevarchi-Arezzo).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCovid-19, Maruggio: arriva l’app “inSpiaggia” per evitare assembramenti
Next articleSan Lorenzo, fra mito e realtà