Nel Salento si riscopre un antico stile musicale con il nuovo cd di Dario Muci

0
387

muci e calsolaroL’anima della musica popolare salentina torna a stupire con il nuovo lavoro del musicista ricercatore Dario Muci, dal titolo “Barberia e canti del Salento vol 2” (cd + documentario dvd) con  etichetta AnimaMundi Musica. E’ il secondo e ultimo volume di un percorso già iniziato con l’album Rutulì nel 2013. Nello specifico si tratta di un cofanetto, già in vendita, contenente i brani che più rappresentano un antico stile musicale suonato nelle sale da barba, conosciuto come barberìa, intervallato a un repertorio di canti popolari inediti e poco conosciuti.

Muci si è concentrato  sul recupero di questo genere – esclusivamente strumentale – che rappresenta una grossa novità in un territorio conosciuto e studiato quasi esclusivamente per la spettacolarizzazione del mito del ragno. Il Volume, anticipato dal brano “La carrozza” con le voci delle sorelle Gaballo, prende vita  anche da un originale video documentario sulla vita del maestro Antonio Calsolaro – oggi il maggior rappresentante della barberìa salentina – e da una collaborazione dell’artista con anziani cantori e cantrici popolari.

Fino alla metà degli anni ’50 molti barbieri erano musicisti, in particolare suonatori di strumenti a corda, e svolgevano attività musicale e didattica. Molti intraprendevano con loro lo studio di uno strumento: chitarra, mandolino, violino erano i più usati. I maestri di livello musicale più alto, poi, formavano gruppi strumentali in grado di eseguire brani classici proposti in “serate musicali” di vario tipo. Ai barbieri erano affidate, inoltre, le serenate (omaggi musicali notturni fatti dedicare dall’uomo alla donna amata).

Viene così riscoperto un repertorio che oggi si rivela preziosissimo perché getta nuova luce su una particolare zona del territorio, quella di Alessano  e del Capo di Leuca, custode di una tradizione di cui bisogna recuperare la memoria. Proprio Alessano è il paese del mandolinista e compositore Calsolaro che si è divenuto portavoce di  un patrimonio musicale e culturale di immenso valore, da conservare, tutelare e divulgare nella cultura di tutta la Terra d’Otranto ed oltre.

Ad affiancare Muci ed il maestro Calsolaro ci sono anche i musicisti  Massimiliano De Marco, Giuseppe Caggiula , Rocco Nigro e Vito De Lorenzi. 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTrepuzzi, sfratto esecutivo per due fratelli disabili. L’Ass. Caretto: “Ad oggi non ci sono beni comunali da adibire a case parcheggio”
Next articleArrestato dalla polizia con la droga nell’auto