Lecce, una personale di Athos Faccincani ai Teatini

0
711

Il 12 marzo, alle 18.30 il vernissage, cui seguirà la donazione a favore dei familiari del 20enne senegalese scomparso a Campi mentre si recava al lavoro


athos fraccicaniLecce – Torna a Lecce Athos Faccincani, artista di rara sensibilità, in grado di dare vita al buio con pennellate di poesia violenta. Sabato 12 marzo, alle 18.30, il vernissage presso l’ex Convento dei Teatini, alla presenza del sindaco di Lecce, Paolo Perrone, dell’assessore Luigi Coclite e dell’avvocato Barbara Pirelli, con la regia di Giuseppe Benvenuto.

Le opere saranno esposte al pubblico fino al 28 marzo prossimo, e saranno dedicate al Salento e alle sue bellezze.

Come anticipato nei giorni scorsi dallo stesso Fanciccani, il ricavato della vendita di un’opera, sarà devoluto alle sorelle e ai genitori di Saiba Diao, senegalese morto a 20 anni il 27 febbraio scorso a causa di un incidente, mentre si recava al lavoro in un appezzamento di terreno a Campi Salentina. Saiba, inserito nel programma di recupero S.P.R.A.R. aveva trovato un lavoro regolare e aiutava economicamente i genitori e le quattro sorelle rimasti in Africa.

Proprio i ragazzi dello S.P.R.A.R, coordinati da Anna Caputo, saranno presenti, domani sera, per seguire le fasi della donazione, partendo da un collegamento telefonico con il Senegal, dove altri volontari, partiti stamattina, hanno accompagnato la salma del ragazzo.

All’aeroporto di Dakar, il papà di Saiba, che a differenza del figlio che parlava francese  e italiano, conosce solo il pilaar, la lingua locale. incontrerà telefonicamente Athos Faccincani, col tramite dei volontari che traduranno il dialogo in tempo reale.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article‘Un caffè in ghiaccio con latte di mandorla’ all’Itis E. Fermi di Francavilla Fontana. La scrittrice salentina Valentina Perrone racconta l’universo femminile agli studenti brindisini
Next articleMonopoli-Lecce: le probabili formazioni