Salento, ulivi infetti: un ricercatore americano studia il caso

0
691

UlivoDopo il punteruolo rosso, che ha divorato le palme ed ha portato al cambiamento paesaggistico di molti comuni (basti pensare al lungomare di Porto Cesareo, rimasto orfano delle sue palme decennali), ora un altro parassita minaccia la specie arborea più comune nel Salento: l’ulivo.

Esso è il simbolo della nostra terra, le nostre campagne sono piene di ulivi secolari, che assumono forme strane, sembianze scultoree, quasi mostruose, e che fanno da sfondo a foto e quadri d’autore.

Ma l’ulivo è soprattutto l’albero che dà vita al frutto più importante dell’economia pugliese, l’oliva, dalla cui lavorazione si ottiene l’olio extra vergine, esportato all’estero e protagonista indiscusso del panorama enogastronomico regionale.

Da qualche mese un batterio killer ha preso di mira gli ulivi e li sta danneggiando con rapidità, mettendo a rischio una intera filiera. La malattia è la cosiddettaxylella fastidiosa che causa il disseccamento rapido della pianta, per disidratazione. Il batterio della xylella è solo uno dei componenti della malattia, di estesa portata infettiva. La sintomatologia è rappresentata da: ingiallimento delle chiome, imbrunimenti interni del legno, foglie accartocciate.
In questi giorni è arrivato in Puglia, Rodrigo Almeida, ricercatore americano, professore a Berkeley, per fare luce sulla vicenda e trovare una soluzione.

È stato accertato che, se quest’anno le piante colpite hanno potuto produrre olio, probabilmente l’anno prossimo non sarà possibile e la produzione calerà drasticamente, poiché sono coinvolti circa 6 mila alberi.

Al momento la zona interessata è circoscritta al gallipolino, ma si stanno monitorando altre zone, per comprendere il possibile raggio d’azione del virus. L’unica nota positiva è che non ci sono pericoli per i consumatori dell’olio d’oliva, poiché il batterio crea danni alla pianta ma non al prodotto finito.

Del caso se ne stanno occupando i ricercatori del CNR e dell’Università di Bari, che ritengono lunghi i tempi per la individuazione delle caratteristiche genetiche del batterio e quindi per la soluzione che riesca a distruggerlo.

Al momento, l’altro problema da affrontare riguarda il varo di interventi d’aiuto economico per gli olivicoltori che, già duramente colpiti dalla crisi del settore, sperano di non dover soccombere davanti a questo ulteriore ostacolo, nei confronti del quale sono effettivamente impotenti.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSpartak Lecce: 1-0 con la Virtus Salentina e si continua a correre
Next articleLa Svicat si rialza e trionfa a Rieti