Roma, raccolte 65.000 firme contro la soppressione del Corpo Forestale dello Stato

0
309

Raffaele Seggioli e Antonella Giordanelli FILEminimizerRoma – Si è svolta mercoledì 3 Giugno, presso la 1^ commissione affari costituzionali della Camera dei Deputati, presente anche il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Marianna Madia, l’audizione delle associazioni che si oppongono allo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato.

Tra i sodalizi ascoltati c’erano anche i promotori dell’iniziativa “Salviamo la Forestale”, che assieme all’associazione ambientalista Fare Verde raccoglie le firme, sia on line che su moduli cartacei, a sostegno di una petizione che chiede al Governo e al Parlamento di non chiudere il Corpo Forestale.

“Il rapporto Eurispes 2015 – ha dichiarato Raffaele Seggioli, coordinatore nazionale della raccolta di firme – conferma che il Corpo Forestale dello Stato è molto amato dagli italiani, con un indice di gradimento del 64,6%. Attorno alla nostra raccolta di firme si è creato un movimento di associazioni antimafia, ambientaliste, animaliste e venatorie, di personalità pubbliche ed Enti Locali. Tutti chiedono al Governo di non sopprimere il CFS. Abbiamo già raccolto – ha proseguito Seggioli – decine di migliaia di firme, on line e cartacee, queste ultime raccolte dall’associazione ambientalista Fare Verde. Continueremo a batterci e siamo pronti a ricorrere alla Corte Costituzionale e al referendum abrogativo.”

A seguire, Antonella Giordanelli ha approfondito l’argomento e ha consegnato ufficialmente alla Commissione cinque importanti documenti. “L’Unione Europea chiede il rafforzamento del Corpo Forestale – ha notato la Giordanelli – e il Governo Renzi invece lo vuole sopprimere. Sono a rischio i posti di lavoro e le ricerche scientifiche svolte nei centri per la biodiversità, l’occupazione degli operai forestali, le convenzioni tra le Regioni e il CFS. La Forestale tutela la nostra Terra Madre e la vita – ha concluso la Giordanelli – simboleggia il verde della nostra bandiera e la difenderemo.”

“Quella in difesa del Corpo Forestale dello Stato – dichiara Silvano Olmi, vice presidente nazionale di Fare Verde – è una battaglia per l’ambiente e la qualità della vita che le donne e gli uomini della Forestale difendono quotidianamente. Chiediamo con forza al Governo – conclude Olmi – di rafforzare il CFS con l’assorbimento del personale delle Polizie Provinciali, per creare una Guardia Nazionale in difesa della Natura.”

Anche i volontari di Fare Verde Novoli hanno partecipato alla raccolta delle firme contro la soppressione del Corpo Forestale dello Stato.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, “Quando la musica è cinema”
Next articleIl 5 giugno è l’Italia ad ospitare le celebrazioni mondiali per la Giornata dell’Ambiente