“Nativi Ambientali”, dal 7 settembre nuova campagna di sensibilizzazione all’educazione ambientale

0
305

NativiAmbientaliGiro girotondo, SALVA il mondo, SALVA la terra, NIENTE giù per terra è lo slogan della campagna Nativi Ambientali che riscrive, cambiando solo tre parole, la classica filastrocca dandone un significato tutto nuovo. La canzoncina per bambini, che tutti abbiamo cantato, diventa così un invito per grandi e piccini a non abbandonare i rifiuti, ma anzi a separare correttamente acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro, perché “La raccolta differenziata e il riciclo danno una mano al mondo”.

Per mano in un grande girotondo si tengono i bimbi e la testimonial Maria Grazia Cucinotta, protagonisti dello spot  girato nella splendida piazza di Villa Litta a Lainate (MI), e già disponibile sul web.

Presentata il 13 luglio a Expo Milano 2015, la campagna è promossa dal Ministro dell’Ambiente Galletti in collaborazione con Conai, Consorzio Nazionale Imballaggi e i sei Consorzi di Filiera per il riciclo dei materiali (Ricrea per l’acciaio, Cial per l’alluminio, Comieco per la carta, Rilegno per il legno, Corepla per la plastica e Coreve per il vetro). Prende il via il 7 settembre e oltre allo spot si svilupperà su affissioni, quotidiani nazionali, radio e TV locali, concentrandosi principalmente nelle regioni Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, forse ritenute più lontane dagli obiettivi di legge in materia.

Nativi Ambientali non è solo una campagna ma un più ampio progetto per la promozione dell’educazione ambientale, la cui locuzione siamo ormai soliti sentire dal Ministro Galletti, che la introdusse poco dopo l’avvio del suo mandato volendo fare un parallelo con i nativi digitali: “la stessa predisposizione che avete verso il computer… la dovete avere per la raccolta differenziata e per la cultura ambientale” spiegava in un’intervista a Giornalisti Nell’Erba durante l’iniziativa Let’s Clean Up Europe del maggio 2014.

“Siete voi il futuro di questo Paese”, ha affermato il ministro, rivolgendosi ai piccoli protagonisti presenti all’evento. “Dovete essere voi – ha aggiunto – le vere sentinelle dell’Ambiente, pronte ad educare i più grandi ai giusti comportamenti e a dirci dove sbagliamo; avete il diritto di ereditare un mondo migliore – ha aggiunto il ministro parlando ai bambini – ma anche il dovere di prendervene cura, a partire dal vostro giardino, dalla vostra casa”. “Rispettare l’ambiente – ha aggiunto Galletti – significa non sprecare risorse naturali, non sperperare l’energia. L’amore e il rispetto per l’ambiente devono diventare uno stile di vita, un atteggiamento da apprendere sin da piccoli, tanto velocemente quanto impara oggi un bambino a utilizzare il tablet e il computer”.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleComdata Lecce, dal parcheggio fantasma all’invasione di mosche
Next articleGianmaria e Tatiana hanno detto SI: uniti oggi nel sacro vincolo nuziale