Comdata Lecce, dal parcheggio fantasma all’invasione di mosche

0
2165

MoscheLecce – Non trovano pace i lavoratori di Comdata Lecce. Dopo l’annosa e ancora irrisolta questione parcheggio, per la quale i politici di turno paventano esilaranti soluzioni, gli impiegati del call center si ritrovano a combattere con le mosche.

Sì, parliamo del fastidioso e sudicio insetto che ormai alberga a sciami nei due locali. Una situazione che si protrae ormai da un paio di settimane, i due padiglioni denominati Lecce 1 e Lecce 2 sono letteralmente invasi dalle mosche come testimoniano le foto.

Le più colpite sono le sale break che ospitano le macchinette automatiche e cestini da pranzo che gli impiegati portano da casa. Ma non è forse un diritto di tutti lavorare in un ambiente pulito e salubre? Le mosche non sono certo indicatore di ciò, tutt’altro.

Di recente l’area che si trova comunque in una zona periferica, è stata oggetto di derattizzazione. Ciò, ovviamente, non ha impedito che si annidassero le larve, essendo l’intervento mirato ad altro.

{gallery}Gallerie/MoscheComdata{/gallery}

Ma allora perché restare seduti dalle sei alle otto ore con le cuffie alle orecchie mentre decine e decine di mosche ronzano in testa? Perché non disinfestare l’area interna come banalmente e comunemente si fa? Forse perché per un call center che gestisce grandi commesse tra cui Vodafone e Sky, le quali registrano un volume di chiamate in ingresso altissimo, è complicato chiudere per 72 ore. Ma è mai possibile che non esistano comunque soluzioni alternative, meno invasive e tossiche?

Voci di corridoio affermano che i sindacati abbiano chiesto l’intervento della ASL, ma nulla appare certo e nessuna azione mirata è stata ancora compiuta.

Si spera, comunque, che la dirigenza intervenga autonomamente per rendere nuovamente salubre i due ambienti prima che qualcuno chiami gli ispettori sanitari creando, a tutti, non pochi disagi. 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, ritardi da recuperare e nodi da sciogliere
Next article“Nativi Ambientali”, dal 7 settembre nuova campagna di sensibilizzazione all’educazione ambientale