Lecce-Catanzaro: le pagelle. Giallorossi grandi firme

0
241

Lecce – Poker servito al Catanzaro e Benevento seguito a ruota. I giallorossi regolano facilmente la compagine calabrese, mai in partita, con un sonoro 4-0 deciso dalle reti, equamente distribuite nelle due frazioni di gioco, di Moscardelli, Doumbia, Caturano e Papini.

Perucchini 6,5: Inoperoso nel primo tempo, si oppone bene a due conclusioni insidiose nella ripresa. Concentratissimo e sul pezzo.

Alcibiade 6: In affanno poche volte sugli attacchi avversari, dimostra ottima maestria nel gestire palloni in fase di ripartenza.

Cosenza 6,5: Roccioso e preciso in ogni intervento, non soffre contro il duo veloce scelto da Erra per l’attacco. Quando poi entra Razzitti, non perde nessun duello.

Abruzzese 7: Partita da maestro per il difensore andriese, autore di tantissime chiusure sui tentativi di verticalizzazione operati dai centrocampisti avversari.

Lepore 7,5: Apre la partita con la sventagliata per il gol di Moscardelli, continua poi tambureggiando sulla fascia destra e cercando più volte la segnatura personale. Più forte anche di un intervento che lo azzoppa per un po’. E quel tacco nell’azione del gol di Papini…

Salvi 7: Dalle sue parti non si passa. Il Catanzaro nel primo tempo non riesce a mantenere nessun pallone, rimanendo rintanando dietro alla linea dei venti metri. A risultato acquisito si concede qualche “licenza” in più provando ad offendere.

Papini 7,5: Festeggia il compleanno con il gol, cosa chiedere di più? Dialoga bene con i compagni nelle trame offensive messe in atto dal Lecce.

Legittimo 6: La partita poco incisiva degli avversari gli permette un bel po’ di scorribande in più. È propositivo.

Surraco 7: Danza sul pallone che è una bellezza, spinto dal calore sudamericano inscenato dalla Nord questa sera. Apre tanti varchi e mette il suo zampino in più azioni.

(17’ st Caturano 7: Ingresso, tiro di poco fuori, tiro-gol. Le sue percentuali di realizzazione toccano cifre cestistiche.)

Moscardelli 7,5: Sblocca la partita alla prima palla-gol e fa reparto da solo, trascinando la squadra nella fase offensiva. Sfiora la doppietta in più occasioni.

(25’st Curiale 6,5: Sponde, assist e sacrificio per condurre la nave in porto.)

Doumbia 6,5: Mette in ghiaccio la partita con il suo guizzo e dà un bel po’ di patemi alla difesa avversaria coi suoi break nella ripresa.

(22’st Carrozza 6,5: Rientra al meglio dopo un lungo periodo senza calcare il campo. Fallisce di poco il 5-0 con una gran saetta.)

Allenatore Braglia 7: Un Lecce dilagante tra le mura amiche. Tiene ben saldi i fili del suo gruppo, bacchettando a dovere, per troppo leziosismo, anche dopo un primo tempo finito sul 2-0. La fame di questa squadra impersona i dettami imposti da Piero Braglia.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce-Catanzaro: le probabili formazioni
Next articleSuper-Lecce: poker e Catanzaro travolto