Jeda: “Sarà una guerra”

0
410

Lecce JedaJeda, 5 gol per ora sono il magro bottino di una stagione molto sfortunata; un anno iniziato sotto i migliori auspici, poi l’infortunio e la maledizione di un pallone che sembrava stregato a non voler entrare in porta. Il brasiliano prima dell’amichevole contro gli allievi e della partenza per Carpi ha parlato ai giornalisti.

Ecco le sue dichiarazioni:

«La squadra ora sta bene, è in un buon momento, bisogna andare fino in fondo; il passato è alle spalle, si è azzerato tutto, dobbiamo solo pensare a conquistare la serie B. Le sensazioni sono positive, cerchiamo di arrivare al “Cabassi” nella migliore condizione psico fisica.

Il Mister appena è arrivato, ha guardato negli occhi me, Giacomazzi, Cheva, Ferrario e Benassi e ci ha detto che dovevamo assumerci le nostre responsabilità per indicare ai giovani la strada giusta per approdare in B. Il tempo a disposizione era davvero poco ma lui ci ha dato tranquillità.

I giovani hanno bisogno di supporto indipendentemente dal modulo con cui si gioca. Siamo tutti a disposizione del mister e insieme dobbiamo pensare al bene del gruppo e del Lecce, dobbiamo cancellare ogni individualismo. Con Cheva l’intesa è ottima, anche se solo ora abbiamo avuto la possibilità di giocare insieme. Domenica sarà una guerra, siamo preparati a quello che ci aspetta. Arma è un grande giocatore ma dobbiamo preoccuparci non del singolo ma del tutto il gruppo. L’approccio giusto, come quello di domenica sarebbe ottimale per noi».

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleUndici gol e si parte per Carpi
Next articleBeatrice Rana, una pianista salentina in Texas a tenere alta la bandiera dell’Italia