Il coraggio di Mischke, fiaba musicale dedicata alle vittime della Shoah

0
360

il coraggio di MischkeLecce – In scena, questa sera, alle ore 20.00, nell’Auditorium del Conservatorio Tito Schipa in via Ciardo a Lecce, la fiaba musicale “Il coraggio di Mischke” liberamente ispirata dal romanzo di Misha De Fonseca: “Sopravvivere coi lupi”, ed. Ponte alle Grazie, Milano. Il libretto è di Rossella Ramunni e in parte delle maestre  e della dirigente scolastica, dott.ssa Giuseppina Bocassile, della scuola elementare G. Mazzini di Bari.

Composta di un atto unico in otto scene, questo lavoro è stato commissionato, in occasione del “giorno della memoria”, per la prima volta proprio dalla scuola Elementare  “G. Mazzini” di Bari. In questa versione, finita nell’autunno 2014, la partitura è stata revisionata prevedendo l’utilizzo di un’orchestra completa. Interpreti tre allevi del Conservatorio: Angelica Mele, Theodoros Moutevelis e Riccardo D’Ostuni. Maestro del Coro Francesco Muolo, direttore dell’Orchestra Giovanile del Conservatorio Paolo Ferulli.

È questa una fiaba per bambini di tutte le età che, come tutte le fiabe, ha dei rimandi, in questo caso molto forti ed evidenti, con la realtà, pensata per trasmettere e insegnare un messaggio importante e per ricordare una tragedia sconvolgente, quella della Shoah.

La musica spazia negli ambiti più vasti del linguaggio tonale, contribuendo a realizzare un melange linguistico originale e particolarmente adatto (“scorrevole e coinvolgente”, in un articolo di N. Sbisà) alla drammaturgia dell’opera. “È stata infatti l’occasione per me di fare delle “dediche” ai miei maestri veri o elettivi e alla terra in cui mi sono formato e lavoro: vi sono infatti, per quasi ognuno dei 21 brani dell’opera, riferimenti o citazioni stilistiche di un autore diverso: si va da Gervasio a Rota, a Bach, Strawinski, Berg, Bartok, Morricone e altri ancora – dice Giuseppe Gigante, autore della musica e aggiunge –  Il gioco delle citazioni è il “sintomo di modernità” di questo semplice lavoro e serve a connotare l’epoca storica nel quale la narrazione è ambientata o l’ambiente geografico frequentato dai protagonisti, comunque a “giocare” con la memoria e il vissuto degli ascoltatori, in fondo una piccola guida alla musica anche per gli ascoltatori.

La serata sarà replicata venerdì 22 maggio, ore 20.00, nell’Auditorium Santa Chiara, via Santa Chiara a Brindisi.

Ingresso Gratuito

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleAlfredo Fina, a servizio della comunità al di là degli steccati ideologici
Next articleNovoli, dieci anni fa moriva Raffaele Miglietta. I suoi amici lo ricordano su Paisemiu.com