Archivio musicale. 2022. Collezione pubblica: uomo con bambino

0
119

Il ritorno in Teatro, in una sera qualunque, mentre sopraggiunge la vertigine di una folla sempre più numerosa, non è più un ricordo lontano.
Già dal primo attacco siamo certi di essere al posto giusto nel momento giusto! Musica Maestro! C’è Giuseppe Gibboni sul palcoscenico del Teatro Apollo e l’Orchestra Filarmonica di Puglia diretta da Pietro Borgonovo riscalda gli animi da subito, con le prime note dell’Ouverture dell’”Italiana in Algeri” di Gioacchino Rossini, ci si immerge, senza indugio, in un “crescendo” rossiniano per l’intero spettacolo.

Una tradizione italiana che continua nel segno di Niccoló Paganini, il grande violinista dell’800, compositore eclettico, virtuoso insuperabile che alla letteratura violinistica ha dato un carattere virtuosistico unico e singolare. Lo stesso talento che ha mostrato di possedere il giovane violinista Giuseppe Gibboni, nella superba interpretazione del Concerto per violino e Orchestra n. 1 op. 6 e dei Capricci di Paganini, richiesti da un pubblico, elettrizzato da una performance assolutamente impeccabile. Un suono eccellente, supportato da una tecnica pura, che è l’espressione di un talento che oggi rappresenta l’orgoglio italiano nel mondo!

Appena ventenne, nel novembre scorso vince il Primo Premio al 56mo Concorso Paganini, il più prestigioso riconoscimento artistico; Premio Speciale del Pubblico, Premio Speciale per la migliore interpretazione dei Capricci e del Concerto di Paganini. Ottiene riconoscimenti dalle più alte cariche dello Stato. Suona un violino Balestrieri del 1752.

Si congeda alla grande la Filarmonica Pugliese con la Settima Sinfonia di Beethoven e la Camerata Musicale Salentina che registra una serata SoldOut!
Un concerto unico per gli appassionati di Musica e non solo; esserci ha dato coraggio all’intero comparto dello spettacolo, e ridato fiducia ad un’orchestra di giovani ed a un Direttore di successo che ha restituito al pubblico la gioia per ricominciare.

Il modo migliore è ricominciare proprio con la Musica; oltre il sipario resta solo bla grande Bandiera della Pace.