A Castiglione d’Otranto il Baroc Jazz in Concerto

0
60

Può un piccolo borgo antico suscitare tanta bellezza? Siamo a Castiglione d’Otranto, roccaforte del basso Salento avvolti in una magica atmosfera post natalizia, solo qualche sbrilluccichio intorno alla piccola Chiesa di San Michele Arcangelo all’interno della quale è custodito un organo antico di recente restauro. Un piccolo gioiello dell’arte organaria salentina.

In religioso silenzio, tanti appassionati giunti per assistere al Baroc Jazz Christmas Concert.

All’organo Francesco Scarcella, al sax Fulvio Palese. Una combinazione sonora piuttosto insolita, due timbri cronologicamente agli antipodi, tenuti insieme da quel filo d’aria che crea un amalgama sonoro potente, denso, che fluttua dall’aria nell’aria, come un passo a due o un dialogo tra due anime!

Un programma che spazia da Bach, Albinoni fino all’impressionismo di Debussy o alle melodie più contemporanee di Piazzolla e di alcuni tradizionali Natalizi. Uno incontro all’altro in uno scambio continuo di melodia, di sostegno al canto, di voci lontane e di tante piccole emozioni che in una Chiesa diventano preghiera in Musica.

L’organo così austero, solenne, domina la Cantoria, siamo rapiti dal suono in tutta la sua potenza espressiva, mentre poco a poco il sax si insinua con la sua voce malinconica e avvolgente.
È il il mondo che cambia mentre i suoni restano, e così il sax si rifugia in spazi che non sono propriamente i suoi e, dallo swing, al rock, al pop entra a gran voce nella sfera della sacralità, smussando quelle asperità con struggente sentimento. L’organo, in preghiera, accoglie.

Un occasione per ascoltare un duo salentino d’eccezione, per una performance assolutamente singolare, perché da buoni Maestri possiamo aspettarci solo buona Musica!

Docente presso la Scuola Superiore di Musica Harmonium - Lecce

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleRiflessi nell’anima – Domenica, 09 gennaio 2022, Battesimo del Signore
Next articleLa magia della neve