Salvatore Albano, l’ex Sindaco di Porto Cesareo, scrive ai cittadini: “Il futuro è adesso e la mia disponibilità è piena”

0
386

sindaco di porto cesareoPorto Cesareo (Le) – Salvatore Albano, l’ex Sindaco di Porto Cesareo, ha preso carta e penna e ha scritto ai cittadini di Porto Cesareo, con una lettera che riporta il logo del gruppo politico “Progetto Futuro”.

Nella lettera, Salvatore Albano ripercorre la sua storia di sindaco, sia dal punto di vista umano che dal punto di vista politico.

Partendo dal 2011, racconta della sua lunga riflessione prima di convincersi per la candidatura a sindaco nella scorsa tornata elettorale.

Poi ricorda come, subito dopo la schiacciante vittoria con 2022 voti, ci sono state le minacce intimidatorie, i volantini anonimi, le bombe, le indagini. E ricorda come, nonostante tutto, l’amministrazione sia andata avanti  con entusiasmo, determinazione, onestà e coerenza,  perseguendo gli obiettivi prefissati col programma elettorale e portando a termine risultati molto importanti per il Paese: approvazione del Piano Urbanistico Generale dopo 37 anni di rinvii, realizzazione di opere pubbliche per € 4.654.500,00, definizione insieme all’AQP della progettazione della rete fognaria, potenziamento della raccolta differenziata, ristrutturazione delle palestre scolastiche, parchi giochi per bambini, mensa scolastica, ecc…

Nella seconda parte della nota, l’ex primo cittadino, spiega che gli anni al governo sono stati troppo pochi per poter raggiungere i risultati prefissi e che proprio nel segno della continuità amministrativa, al fine di non vanificare il lavoro svolto nel passaggio da un’amministrazione all’altra, si proietta verso il futuro, ufficializzando per la prima volta la piena disponibilitàservire nuovamente, come primo cittadino, Porto Cesareo. 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTri Quater! Arrivano i Clown a Novoli
Next article“Sovranità monetaria e Anatocismo bancario”: se ne parla il 6 marzo al Teatro comunale di Novoli