Nasce a Lecce il comitato per dire NO al Referendum Costituzionale

0
408

NO REFERENDUM2Lecce – Costituito e presentato nelle scorse ore presso l’open Space di Piazza Sant’Oronzo a Lecce il “comitato no al referendum costituzionale”. Hanno partecipato i promotori del comitato, il primo in tutta la provincia di Lecce, che hanno voluto sottolineare con forza tutti i motivi per esprimere il proprio “no”.

Un comitato messo in piedi a Lecce da Forza Italia, Fratelli d’Italia, Noi con Salvini ed al quale oggi hanno aderito “Azzurro Popolare” e “Movimento regione Salento”, ma – è stato più volte ribadito – aperto a tutte le opposizioni di centro destra al governo Renzi e che si rifà a quello nazionale fondato dagli onorevoli Renato Brunetta, Gian Marco Centinaio, Edmondo Cirielli, Massimiliano Fedriga, Mariastella Gelmini, Fabio Rampelli, Paolo Romani, 

I danni sarebbero devastanti”, ha ribadito Paolo Pagliaro dell’Ufficio di presidenza di Forza Italia, “perché si giungerebbe alla fuoriuscita dal sistema democratico. Per questo radicheremo il comitato in ogni comune del Salento. Riteniamo che questa battaglia sia davvero di vitale importanza per la democrazia del nostro Paese. Il comitato nasce dai tre partiti: Forza Italia, Fratelli d’Italia, Noi Con Salvini, ma è pronto ad allargarsi a tutte le forze che vogliono opporsi a questo governo illegittimo. Dobbiamo far fronte comune per scongiurare il rischio di accompagnare l’Italia fino ad una pericolosa deriva autoritaria e, quindi, lavorare opponendoci con tutte le nostre forze a questa scellerata e pasticciata riforma costituzionale”. 

Una riforma è necessaria sì”, per Pierpaolo Signore di Fratelli d’Italia “ma non questa pensata da un governo non legittimato dal popolo”

Un comitato per rispedire al mittente riforme che ammazzano il nostro Paese” ha dichiarato Leonardò Calò di Noi Con Salvini 

Un no, convinto, perché si finirebbe con il creare un sistema dittatoriale pericoloso”, ha ribadito Federica De Benedetto, vice coordinatrice regionale di Forza Italia.

Intervenuti, tra gli altri, Aldo Aloisi di Forza Italia, Filomenta D’antini, coordinatrice del dipartimento “libertà Civili e diritti umani in Puglia”, Roberto Nitto Vice segretario Provinciale di Forza Italia , Cesare Vernaleone, portavoce del Movimento Regione Salento e responsabile regionale dipartimento federalismo di Fi. Presenti, tra gli altri, il responsabile del dipartimento Turismo di Forza Italia in Provincia di Lecce Mauro della Valle, il consigliere comunale Vittorio Solero, il responsabile della comunicazione di Forza Italia Cosimo Leo.

Giunta la piena adesione ed il saluto dell’onorevole Adriana Poli Bortone e del consigliere comunale azzurro Io Sud Giampaolo Scorrano. Insieme anche ai dirigenti dei partiti coinvolti, Giovanni De Luca e Giovanni Costantini Fdi e Paolo Marasco di NcS, ai rappresentanti istituzionali, alle associazioni di professionisti sono intervenuti illustri giuristi come l’avvocato Scarpello e il prof Vincenzo Tondi della Mura che hanno spiegato le ragioni per “dire no” ad una riforma che definiscono “pericolosa”.