L’educazione ambientale nel ventre di una balena: Torre Lapillo accoglie “Matilde, la balena ecologica”.

0
372

ricicliamo-con-matilde-la-balena-ecologicaPorto Cesareo (Le) – Dal 29 luglio al 1 agosto, a Torre Lapillo – dalle ore 19,00 alle 21,00 – si svolgerà il laboratorio di riciclo per bambini dal nome: “Matilde, la balena ecologica”, organizzato dal Teatro delle Giravolte di Aradeo e in collaborazione con il CEA  – centro di educazione ambientale.

 L’attività è inserita nel programma “Porto Cesareo…naturalmente” e rientra anche nell’ambito del progetto Petalù – Fondazione con il Sud promosso dal Coordinamento Associazioni Ambientaliste pro Porto Cesareo. Grazie ad una struttura modulare a forma di balena, posta ai piedi di Torre Lapillo, e ad un tavolo lunghissimo al suo interno, i bimbi partecipanti daranno vita a fantasiosi  lavoretti  fatti con materiali di scarto.

Come per incanto i  giornali,  le stoffe,  le lattine, si trasformeranno in: pupazzi,  burattini,  marionette,  sagome, giocattoli   e quant’altro  la fantasia  spinge a creare. I bambini,  entrando gratuitamente nella pancia di Matilde, impareranno a rispettare l’ambiente che li circonda e a difenderlo. Gli organizzatori affermano: “Attraverso un approccio ludico creativo ci siamo posti l’obiettivo  di stimolare bambini, ragazzi e adulti a nuove idee per il recupero di oggetti  “scartati”  che potrebbero inquinare paesaggi e quindi rovinarne la bellezza. Con materiale di recupero : carta, cartone, bottiglie, tappi, lattine ecc. i bambini costruiranno nuovi oggetti rendendoli perfettamente utilizzabili”.

 

Per info: 334/3008941

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleUn padre è un padre
Next articleLa Campagna elettorale per la Regione Puglia ai nastri di partenza