Venerdì 10 per “Mi racconti un libro?” “Un caffè in ghiaccio con latte di mandorla ” l’ultima fatica letteraria di Valentina Perrone

0
364

caffèNovoli (Le) – Si rinnova anche questo mese l’appuntamento con la rassegna letteraria “Mi racconti un libro?” organizzata dal web giornale Paisemiu.com. Venerdì, 10 giugno, alle ore 19.30, nella Sala Conferenze del Palazzo Baronale, in piazza Margherita – Novoli, la giornalista e scrittrice Valentina Perrone, dopo i saluti istituzionali del Sindaco di Novoli, Gianmaria Greco, ci parlerà del suo libro “Un caffè in ghiaccio con latte di mandorla”, edizioni Esperidi. Dialoga con lei il giornalista e scrittore Massimiliano Cassone.

“Cosa c’è di meglio di un caffè…?”, cantava qualche anno fa un noto showman. Ed è proprio il caffè, momento privilegiato delle nostre giornate, il filo che lega gli undici racconti di questa bella e delicata raccolta di Valentina Perrone. Sono storie di donne, quelle che racconta, che hanno lo sguardo al futuro, perché, sembra suggerire l’autrice, le donne sanno ricostruire e ricostruirsi.

Perché proprio questo titolo? Perché è proprio qui il cuore della raccolta: proprio come il caffè, il cui gusto amaro “si trasforma nella dolcezza squisita quando entra in contatto con il latte di mandorle”, per le donne protagoniste di questi racconti le difficoltà non impediscono la vita: “Anche lì, dove la terra è arsa di acqua e luce, noi donne siamo in grado di far nascere nuovi germogli”. 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTrepuzzi, dalle ceneri di OMFESA nasce la Cooperativa Nomef
Next articleSquinzano, venti di crisi rientrati. Andrea Pulli ricuce le due anime della maggioranza