Squinzano, presentazione del libro Verba Manent di Antonio Rizzo

0
73

Dieci parole per dare luce alla propria vita attraverso il meraviglioso intreccio tra scienza e fede.

12342324 1028052873919388 6520675761835646672 nSquinzano (Le) – Appuntamento sabato, 19 dicembre, ore 17.30, nei locali della società operaia, in piazza Plebiscito per la presentazione del libro Verba Manent di Antonio Rizzo, edito da Luca Pensa Editore.

L’autore, medico specialista in ortopedia, coautore di numerose pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali del settore è al suo primo lavoro letterario, incentrato fondamentalmente su due cardini imprescindibili ed essenziali nella vita di ogni uomo: Scienza e Fede ed evidenzia, attraverso un linguaggio semplice, ma rigoroso, i punti in comune tra di essi, considerati in antitesi per antonomasia.

Durante l’incontro interverrà Antonio Giordano, presidente della società operaia di mutuo soccorso. Dialogherà con l’autore, Maria rosaria Teni, presidente dell’associazione culturale Viva Mente. Intermezzi musicali a cura di Vittorio Rizzo.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLorenzo Petrucci, idee nuove per il futuro che verrà
Next articleTerremoto Xylella, adesso tremano anche le istituzioni. Dieci indagati ed ulivi sequestrati