“Lavoratrici”: un laboratorio teatrale per donne, contro la violenza sul posto di lavoro.

0
748

Lavoratrici“Come faccio a conciliare lavoro e famiglia? Mi sento in colpa, rischio di trascurare i miei figli e il mio ruolo di madre per inseguire un avanzamento di carriera. Ogni giorno devo dimostrare quello che valgo, è come ricominciare da capo… Se ho una bella presenza, per qualsiasi lavoro mi propongo, ho sempre il dubbio che mi scelgano per le mie misure e non per la mia preparazione. Fortunata poi se non ci provano platealmente. Se sono brutta e intelligente ho meno possibilità di trovare lavoro.”

Dagli anni in cui Milva cantava “La filanda” ai giorni nostri, sono passate più di cinquanta primavere, ma pare esser cambiato davvero poco: le molestie sembrano risalire “quasi” alla notte dei tempi. Proprio incentrato su questa tematica è “Lavoratrici”, un laboratorio teatrale per sole donne gratuito, sostenuto e promosso dalla Consigliera di parità della Provincia di Lecce Alessia Ferreri.

Il progetto, cominciato il 18 Novembre, e che vede quest’anno la sua seconda edizione, si concentra sulle tematiche legate alle discriminazioni, alle molestie e le violenze di genere sul posto di lavoro. Risulterebbe, infatti, da una recente ricerca europea, che appena il 40% delle aziende sia interessato alla questione e che solo 25% adotti misure per affrontarla.
Nonostante l’allarme, però, il fenomeno della violenza sul posto di lavoro non è ancora sufficientemente riconosciuto e le iniziative di sensibilizzazione sono piuttosto scarse. Proprio a questo mira il laboratorio; un progetto di formazione, scrittura e messinscena diretto dall’attore Ippolito Chiarello e dalla sua sigla teatrale Nasca Teatri di Terra, con la collaborazione della responsabile organizzativa Marcella Buttazzo e della danzatrice Mariliana Bergamo. Il laboratorio prevede un numero di circa venti partecipanti, che si incontreranno ogni giorno per una settimana presso l’Ammirato Cultur House di via Di Pettorano, a Lecce. Il risultato del lavoro sarà poi presentato il prossimo 25 Novembre, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne: nelle strade del centro storico di Lecce, ogni “lavoratrice” racconterà ai passanti la sua storia di abusi o d’ingiustizia, fino a che non si ritroveranno tutte in piazza Santo Oronzo a pronunciare insieme il loro sdegno verso chi non le rispetta e con l’intento di interrompere quella “ripetizione” di tutte le vittime che, silenziose, non denunciano.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleRap e Grafica: un connubio vincente per Alfredo Pagano
Next articleMaltempo nel Salento: Gallipoli colpita da un tornado. Allagata anche Porto Cesareo