Il 12 maggio, a Otranto, viaggio nei “luoghi” dei Santi Martiri

0
434

OttocentoOtranto (Le) – “Dalla Puglia, in cui ogni angolo è pieno d’oro e d’argento trassero tanti schiavi e schiave i quali avevano visi più puliti delle acque e occhi fonte di bellezza, e di cui era impossibile stimare il valore. Se di tutto questo ottenuto si togliesse un quarantesimo, diventerebbe un tesoro per i mendicanti di tutto il mondo. Ne presero tanto che ad esprimere e a scrivere non resisterebbero la lingua e le dita. Nel luogo soprannominato c’erano molte opere rare, paesi, città grandi ed ognuno aveva nei suoi dintorni una campagna prospera e una infinità di villaggi. c’era una città che in confronto alle altre era come la luna piena tra le stelle; la sua campagna pare in primavera un giardino dell’Eden, dal mare la sua riva è un tesoro che scorre aveva boschi verdissimi pieni di gente e, di fronte alle altre città, sembrava la notte della nascita di Maometto tra le altre notti. Il suo nome è Otranto, biasimare non si potrebbe chi l’abita; se vuoi trascorrere una vita serena, vai ad abitare colà.” (Ibn Kemal, Storie della Casa di Osman – XV sec).

Domenica 12 Maggio, data storica per il Salento, in occasione della canonizzazione di Antonio Pezzulla Primaldo e degli altro 800 otrantini martiri del 1480, il Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto ci accompagnerà sui luoghi storici della guerra d’Otranto, a conoscere i protagonisti e sentire, dalla voce dei documenti e della poesia, l’epopea dell’agosto di 5 secoli fa quando una città decise di morire per i suoi ideali. 

Appuntamento alle 17 a Otranto a Porta Alfonsina, prenotazione obbligatoria al numero 3807784553 o tramite mail all’indirizzo info@terradotranto.org

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleFesta del cinema: anche a Lecce dal 9 al 16 Maggio film a 3 euro
Next articleNon siamo servili a nessuno: diamo voce a tutti