Gherardo Colombo a Latiano per la presentazione del suo libro ‘Lettera a un figlio su Mani Pulite’

0
592

Lettera su mani puliteLatiano (Br) – Lunedì 7 marzo la città di Latiano ospita, nel Teatro ‘Olmi’, Gherardo Colombo, noto ex giudice, sostituto procuratore della repubblica di Milano e autore del libro ‘Lettera a un figlio su Mani Pulite’. L’evento è stato organizzato dalla libreria ‘Taberna Libraria’ della città brindisina in collaborazione con l’Istituto Tecnico ‘G. Calò’ di Francavilla Fontana che, nella figura della dirigente scolastica prof.ssa Maria Antonietta Todisco, ha voluto fortemente la realizzazione di questa iniziativa sostenuta anche dal Comune di Latiano.

Il libro, edito da Garzanti, racconta uno degli episodi più tristi della politica italiana. Era il 17 febbraio 1992. Giornali e tv divulgavano una notizia che avrebbe stravolto la storia d’Italia: veniva arrestato Mario Chiesa, presidente del Pio Albergo Trivulzio di Milano. Scoppiava l’inchiesta passata alla storia con il nome di ‘Mani Pulite’, inchiesta che avrebbe scosso l’Italia intera, destando il popolo italiano e rendendolo consapevole del fatto che era governato da politici falsi e corrotti, i quali, per anni, avevano usufruito della loro posizione per intascare soldi da imprenditori e affaristi pronti a pagare salato pur di aggiudicarsi diversi e illeciti favori. Nasceva ‘Tangentopoli’ e moriva la Prima Repubblica.

Per mesi non si parlerà d’altro che di interrogatori, processi e indagini che porteranno addirittura alla scomparsa di alcuni tra i maggiori partiti politici e provocheranno una forte indignazione pubblica; memorabile la scena in cui una folla scalmanata insegue Bettino Craxi tirandogli contro delle monetine e gridando: ‘Bettino vuoi anche queste?’. A condurre l’inchiesta, un pool di magistrati, il cui nome diverrà famoso proprio grazie al duro lavoro da essi condotto in questo ambito, e tra i quali spicca Gherardo Colombo.

Da allora sono passati decenni, ma ‘Tangentopoli’ rimane ancora un tema attualissimo, alla luce anche delle quotidiane malefatte dei politici di turno che proprio non riescono a guidare il paese in maniera immacolata. Ma cosa rimane alle nuove generazioni di quello che accadde anni fa? Cosa esattamente conoscono di ‘Mani pulite’? Quanto può servire far conoscere per insegnare loro la legalità?

Partendo da questi interrogativi, Gherardo Colombo, nel suo libro, descrive quel tornado di inchieste in cui si ritrovò ad operare, facendolo come un padre farebbe con un figlio. Sì, come un padre con un figlio e non come un magistrato con il popolo. Per questo definisce il suo lavoro letterario una ‘lettera’, che rivolge ai giovani, con l’intento di educare al valore della giustizia, credendo che un caso come quello di ‘Mani Pulite’ non vada dimenticato, anzi debba servire da strumento per trasmettere un messaggio di rispetto delle regole a chi sta ancora costruendo il proprio futuro. Un tema, questo, molto caro a Colombo, che da tempo ha aderito al progetto ‘Sulle regole’ dedicato proprio alla promozione della legalità.

Un evento, quello che si terrà a Latiano, che si aggiunge ad altri già realizzati in passato dagli stessi organizzatori e che hanno visto protagonisti personaggi come Nicola Gratteri e Catello Maresca. L’obiettivo principale, tra quelli che la libreria latianese e la scuola francavillese, insieme, si sono posti, con l’ideazione di questi incontri, è, infatti, quello di discutere sul senso di legalità e diffonderlo tra i giovani, convinti che tali iniziative siano di estrema utilità per raggiungere tale fine.

L’evento è rivolto non solo a studenti, ma anche agli adulti e avrà inizio alle ore 18.00. Ingresso libero.