Il 10 marzo, al Fondo Verri, Annalisa Bari ci racconta il suo ultimo libro “Solo allora cadranno le stelle”

0
820

annalisa bariLecceMartedì, 10 Marzoore 19.00, si rinnova l’appuntamento con la rassegna “Mi racconti un libro?”. Il nuovo incontro sarà ospitato dall’Associazione culturale Fondo Verri, presidio del libro dal 2002, in via Santa Maria del Paradiso 8, c/o Porta Rudiae a Lecce. La scrittrice Annalisa Bari presenterà il suo ultimo libro “Solo allora cadranno le stelle”- editore Besa.

Già alla sua seconda edizione la rassegna, organizzata dal nostro web giornale, nasce con l’intento di contribuire a dare voce e risalto alle importanti realtà editoriali del nostro territorio e permettere in questo modo di mantenere alto l’interesse e l’amore per la lettura.

Dialogano con l’autrice Mauro Marino, giornalista e responsabile del Fondo Verri e Marcella Negro, redattrice del nostro web giornale.

Il romanzo corale di valenza storica si sofferma a raccontare la distruzione della maestosa abbazia di Montecassino, a seguito dei bombardamenti a cui fu sottoposta nella mattinata del 15 febbraio del 1944 per decisione del Comando delle Forze Alleate, impegnate a liberare l’Italia dall’occupazione tedesca. In quella triste mattinata, 250 aerei da bombardamento misero in atto una massiccia azione militare, che rase al suolo l’Abbazia e diede la morte a numerosi civili che avevano trovato rifugio all’interno dell’edificio. 

 Non a caso la scelta del titolo,Solo allora cadranno le stelle, tratto dall’Apocalisse di Giovanni: nessuno avrebbe potuto mai immaginare che l’uomo arrivasse a tanto, a distruggere i capolavori dell’Arte, la più sublime delle nostre espressioni.invito  presentazione  bari

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce- Juve Stabia: L’analisi. Cuore e speranze
Next articleLeverano, una serata dedicata all’universo femminile con “Canto da Sud” e “Teatro delle Rane”