Leverano, una serata dedicata all’universo femminile con “Canto da Sud” e “Teatro delle Rane”

0
730

biblioteca leveranoLeverano (Le) – La Biblioteca Comunale  di  Leverano “Ferruccio Ratta”, venerdì 13 Marzo 2015 alle 21.00, nell’ambito della manifestazione “Donne, storie di lavoro e di dolore”, accoglierà il quartetto musicale “Canto da Sud” e la compagnia “Teatro delle Rane” che insieme presenteranno: “Lettere cantate al femminile. Il coraggio, la passione, la forza.” La donna sarà vista come un essere fragile e forte al contempo, fiore di rara bellezza che nasce tra l’arte e la sofferenza.

Si racconteranno, attraverso musica e poesia, donne che hanno tentato di lottare contro la vita stessa e che poi hanno preferito vestirsi di mare; donne che hanno visto la follia e l’hanno resa poesia tra le sbarre di un manicomio, diventando teatro 1grandi come la terra, innalzando il loro canto d’amore. Donne che si sono ribellate al conformismo linguistico del “politically correct” e donne che hanno cambiato la loro identità per non sentirsi tradite da uomini partiti per l’America e non più tornati. Tra le calde note del Sud ed emozionanti testi poetici, gli spettatori stringeranno la mano a donne come la cantante siciliana Rosa Balistreri e la poetessa, drammaturga e giornalista argentina Alfonsina Storni.

“Canto da Sud” presenterà il suo repertorio dal profumo di terra e tradizione, costituito da un originale riadattamento di brani musicali come: “La tabaccara”, “Beddha ci stai luntanu”, “Lu bene mio”, “Cu ti lu dissi”, “Silenziu d’amuri”, “La varcuzza”, “N’arrubbaru lu suli”, “Rosa”, “Malachianta”, “Occhi neri”, “Sogna fiore mio” ed altri ancora.

teatro 2La magia delle voci di Fernando Antonio Dell’Anna, di Marcello Rolli e soprattutto di Roberta Paladini si poserà sul petto dei presenti facendoli gioire. Il loro corpo si muoverà a ritmo di percussioni, grazie al talento del giovanissimo Matteo Greco, e poi a suon di chitarra battente, chitarra classica, guitalele, clarinetto e organetto.

Magistrali interpreti di versi dell’anima saranno gli attori del “Teatro delle Rane” : Giovanni Nestola, Marilù Valentino, Orazio Zecca e Sara Sabetta. Questi ultimi, come piccoli saltellanti anfibi, si poseranno tra una nota musicale e l’altra per far inebriare l’ascoltatore di divine poesie ed opere.

Lo spettacolo avrà come preziosa cornice le fotografie della mostra  “Tabacco amaro”, dedicata alle tabacchine salentine in cui sono presenti anche tabacchine leveranesi. 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleIl 10 marzo, al Fondo Verri, Annalisa Bari ci racconta il suo ultimo libro “Solo allora cadranno le stelle”
Next articleWorld Dance Festival 2015, grande soddisfazione per il Centro Danza “Il Sogno”